Saturday, December 16, 2017
Home / Posts Tagged "MIUR"

Approdano da tutta Italia. Ma anche da Austria, Francia, Malta e Spagna. Sono 200 le studentesse e gli studenti che si ritroveranno a Lampedusa per confrontarsi, dibattere, approfondire i temi dell’immigrazione, dell’integrazione e dei diritti delle e dei rifugiati e delle e dei richiedenti asilo. Una quattro giorni, da sabato 30 settembre a martedì 3 ottobre, di workshop, incontri, faccia a faccia con migranti e superstiti, esperti e addetti ai lavori. Una scuola oltre la scuola. È il progetto “L’Europa inizia a Lampedusa” che riparte proprio dall’isola simbolo dell’accoglienza. Insieme alle ragazze e ai ragazzi, quest’anno, ci saranno anche il Presidente del Senato Pietro Grasso e la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli.

Cosa significa essere un migrante e un profugo? Come si può tracciare una via che porti alla piena integrazione? Come arrivare a una matura consapevolezza sui temi dell’accoglienza e dell’immigrazione? Quali parole usare per raccontare il fenomeno delle migrazioni? Cosa accade esattamente a Lampedusa, avamposto del Mediterraneo e porta d’accesso dell’Europa? Sono alcune delle domande a cui cercheranno di rispondere le ragazze e i ragazzi che si ritroveranno sull’isola in occasione delle commemorazioni per la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, martedì 3 ottobre, nell’anniversario del naufragio di quattro anni fa quando, proprio davanti alle sue coste, persero la vita 368 migranti, una delle più grandi tragedie del Mediterraneo.

“L’Europa inizia a Lampedusa”, al suo secondo anno, è un progetto promosso dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca in collaborazione con il Comitato 3 ottobre. È reso possibile grazie all’impegno del Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (Fami) gestito dal Ministero dell’Interno.

Le ragazze e i ragazzi che saranno a Lampedusa frequentano l’ultimo triennio delle scuole secondarie di II grado e provengono da 35 istituti italiani e da 4 istituti di altri paesi europei (Austria, Francia, Malta e Spagna). Con loro anche 40 studentesse e studenti dell’isola e una rappresentante della European Agency For Special Needs and Inclusive Education. Le alunne e gli alunni sono stati selezionati nelle oltre 230 scuole che hanno risposto al bando di concorso lanciato nel maggio scorso dal Miur.

Il programma è ricco di momenti di approfondimento: domenica primo ottobre, presso l’Area Marina Protetta, si terrà “Il racconto dei fatti: cronache di un naufragio“, a cura del Comune di Lampedusa e Linosa; lunedì pomeriggio 2 ottobre è previsto l’incontro con donne e uomini superstiti della tragedia di quattro anni fa subito dopo il confronto si sposterà in piazza Castello con il Presidente Grasso e la Ministra Fedeli (la discussione sarà moderata dal giornalista Giorgio Zanchini, di Rai Uno). Nell’occasione sarà anche inaugurata la “sezione giovani” del Museo della Fiducia e del Dialogo (in corso Roma) che raccoglierà opere artistiche, fotografiche e video, testimonianze e testi in versi o in prosa prodotti dalle ragazze e dai ragazzi. In serata, Grasso e Fedeli ceneranno con le studentesse e gli studenti. Sempre nelle giornate di domenica e lunedì, presso l’Istituto omnicomprensivo Luigi Pirandello, si svolgerà il programma di studio e di confronto dell’iniziativa con diverse sezioni di workshop che saranno realizzate grazie anche al contributo delle associazioni nazionali e internazionali del settore. Per le studentesse e gli studenti sarà un’occasione di apprendimento formale e informale. Gli appuntamenti si concluderanno con la Marcia di martedì 3 ottobre per la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione (riconosciuta dalla legge n. 45 del 21 marzo 2016) che si snoderà da piazza Castello, alle 8.30 del mattino, per poi raggiungere il monumento Porta d’Europa, opera di Mimmo Paladino. Sfileranno le studentesse e gli studenti che hanno partecipato alle giornate di studio, ma anche le migranti e i migranti superstiti del naufragio. Parteciperanno, tra le autorità, oltre a Grasso e Fedeli, anche Stephane Jaquemet, delegato dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) per il Sud Europa, e il Sindaco di Lampedusa Salvatore Martello. Davanti alla Porta d’Europa si celebrerà un momento di raccoglimento con padre Mussie Zerai e l’Arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro. A conclusione della cerimonia è prevista la commemorazione in mare a bordo delle motovedette della Guardia Costiera e delle barche dei pescatori di Lampedusa.

La manifestazione potrà essere seguita in diretta live sulle pagine social Twitter (@EuropaLampedusa) sul profilo Facebook (https://www.facebook.com/EuropaLampedusa/) e Instagram  (https://www.instagram.com/europalampedusa/). Al progetto è dedicato anche un apposito portale con materiali didattici e informazioni, punto di incontro virtuale per tutte le scuole: http://europalampedusa.it/

Ecco il programma:

Locandina_Programma_EuropaLampedusa

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con il Distretto Turistico “Valle dei Templi”, “La strada degli scrittori” e la Fondazione “Luigi Pirandello” di Agrigento, in occasione del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, indice per l’a.s. 2016/2017  il Concorso Nazionale “Uno, nessuno e centomila”, rivolto a tutte le scuole secondarie di secondo grado, per sottolineare il valore culturale della sua opera, parabola della condizione esistenziale dell’uomo.

Il tema del concorso intende offrire agli studenti spunti di riflessione sul complessivo significato dell’opera dell’autore anche attraverso il teatro, quale strumento pedagogico in grado di incidere profondamente sulla crescita cognitiva ed emotiva della persona.

Gli studenti  dovranno presentare, individualmente o in gruppo, una sceneggiatura tratta da una novella dell’autore. La sceneggiatura non dovrà superare le 5 cartelle formato A/4.

Gli elaborati – accompagnati dalla scheda tecnica posta in allegato, esplicativa del lavoro contenente sia i dati anagrafici dei partecipanti sia i dati della scuola di appartenenza – dovranno pervenire all’indirizzo mail concorsopirandello150@stradadegliscrittori.it, entro e non oltre le ore 23,59 del 15 marzo 2017

Il materiale in concorso non verrà restituito.

Verrà costituita una commissione che provvederà alla selezione, a livello nazionale, delle migliori sceneggiature, presso la Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione.

Gli studenti partecipanti al concorso che avranno affrontato in maniera originale, creativa e significativa il tema oggetto del bando, saranno candidati al premio finale, consistente in un’opera realizzata a cura dell’Accademia di Belle arti “Michelangelo” di Agrigento. Ma non finisce qui: gli studenti vincitori avranno l’opportunità di rappresentare l’opera teatrale durante le celebrazioni dell’anniversario della nascita dell’autore che si terranno ad Agrigento e promosse dal Comune di Agrigento, dal Distretto Turistico “Valle dei Templi”, dalla Fondazione “Luigi Pirandello” e dalla Strada degli scrittori.

 

 

I ragazzi – oltre 200 studenti italiani e provenienti da Paesi europei, confluiti a Lampedusa nell’ambito del progetto “L’Europa inizia a Lampedusa” hanno incontrato alcuni superstiti del naufragio del 3 ottobre.

Un momento toccante, in cui la scuola che “esce fuori dalla scuola” come già auspicato dalla ministra Stefania Giannini, è diventata realtà e ha tracciato nuovi percorsi didattici fuori dai soliti schemi e incontri forieri di esperienze e di nuovi stimoli.

I ragazzi hanno posto delle domande e ne hanno anche ricevute.

lampe2 lampe3 lampe4

Gli alunni infatti, fino al 3 ottobre –  data in cui si celebrerà la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, a cui parteciperà per il Miur il Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone –  sono impegnati in una serie di laboratori, incontri, seminari e workshop su temi che vanno dal traffico di esseri umani, dall’etica della comunicazione, ai corridoi umanitari, ai diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo. Tutto avviene a stretto contatto con gli studenti lampedusani che si stanno occupando di accoglierli e confrontarsi con loro.

“L’Europa inizia a Lampedusa” è un progetto biennale finanziato con il Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (FAMI) tramite il Ministero dell’Interno (autorità responsabile per la gestione di questo fondo).

 

Qui toccano terra, dopo un lungo viaggio in mare. Lampedusa è una porta che si apre sull’Europa per migliaia di persone, migranti, che affrontano traversate rischiose, insicure, al limite, alla ricerca di una vita migliore.

Il progetto L’Europa comincia Lampedusa, si terrà sull’isola delle Pelagie – un pezzo di Italia così simbolicamente vicina all’Africa –  dal 30 settembre al 3 ottobre.

Per informazioni ulteriori ecco online il sito europalampedusa.it.

Il progetto si inscrive fra le azioni di sensibilizzazione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione che ricade, appunto, il 3 ottobre.

La data – istituita il 21 marzo di quest’anno – nasce per commemorare il 3 ottobre 2013, quando al largo dell’isola di Lampedusa, 368 migranti persero la vita. Si trattò di  uno dei più tragici naufragi della lunga scia di tragedie avvenute nel Mediterraneo di questi ultimi anni, di persone migranti dal Nord Africa in viaggio verso il nostro Paese.

L’Europa comincia a Lampedusa è una 4 giorni di incontri che nascono per sensibilizzare 300 giovani delle scuole d’Europa sul tema dell’immigrazione. Giorni in cui i ragazzi produrranno lavori e idee e doneranno le opere nate da laboratori e dai workshop al Museo della fiducia e del dialogo che si trova proprio a Lampedusa

Saranno gli stessi ragazzi dell’Istituto omnicomprensivo Ettore Majorana a incontrare gli studenti confluiti sull’isola da tutta Europa e condividere con loro esperienze, a raccontare il quotidiano. Per un confronto reale, su un territorio comune.

Negli stessi giorni il prestigioso premio Prix Italia della Rai sarà ospitato a Lampedusa. Verranno presentate alcune attività collettive sviluppate nell’ambito dei Media e della comunicazione.

A questo link il programma con gli eventi della manifestazione che possono essere seguiti in streaming

http://europalampedusa.it/programma/

Seguite anche la pagina Facebook: https://www.facebook.com/EuropaLampedusa/ e Twitter a questo indirizzo: https://twitter.com/EuropaLampedusa.

L’Europa comincia a Lampedusa è un evento in collaborazione con il Comitato 3 Ottobre e il Fondo Asilo Migrazione e Integrazione (FAMI) tramite il Ministero dell’Interno.