Thursday, August 24, 2017
Home / Posts Tagged "marefest Sant’Alessio siculo"

Per me la costa jonica della Sicilia ha qualcosa, nella luce e nei colori, che mi sa di cartolina. Di accoglienza d’altri tempi. Di una cortesia dai modi raffinati.

Sant’Alessio Siculo è qui, contenuta da fra Capo dei Greci e Capo Sant’Alessio – detto Capo d’argento Arghennon akron. Sulla sommità l’ex fortino arabo trasformato dai normanni in monastero -, ma è di più, è straripante, è l’entusiasmo di Veronica e Mimma, di Coralie, della giovane amministrazione comunale da poco insediata che ha voglia “di fare cose”. Marefest è una di queste e proseguirà fino al 30 luglio, anche con interventi urbani come riempire di graffiti i muri grigi e ridipingere la cancellata del mare “tutti insieme”.

Fra le serate organizzate accade che mi chiamano come giurata (ossignur che bellezza!) per il Concorso i sapori del mare. I ristoratori locali si mettono in mostra, ognuno di loro elabora un piatto o un cocktail, che farà assaggiare alla giuria (io li avrei mangiati per intero, ma per il ruolo purtroppo basta una forchettata). Ognuna di queste specialità è offerta a un prezzo speciale per tutta la durata della manifestazione (se cercavate un motivo per visitare Sant’Alessio Siculo eccolo).

Su queste spiagge arrivavano in vacanza le svedesi, qualcuna di loro, complice il mare, l’aria stupefacente dell’estate, si è innamorata di giovani siciliani e ha composto famiglie dai destini incrociati: un po’ isolani, un po’ teutonici, con nuove prospettive di vita e opportunità.

La prima cosa da fare toccato il suolo di Sant’Alessio è, attraversata la minuscola stazione, fiondarsi al mare. Dagli altoparlanti dello stabilimento Nautilus dalle sdraio arancioni, si diffondono le hit della mia infanzia, da Donatella Rettore a Pupo, passando dalle note sensuali di Sapore di mare. Un posto per dimenticare il mondo, non a caso la head line sulle magliette rosse è sazio a nuddu (che tradotto sarebbe più o meno: soddisfazione a nessuno). Intanto la voce di Gino Paoli rimbalza fra le onde.

Poi torno di corsa al Donna Rosa, che è anche una persona che conosco personalmente, un hotel dalla piccola hall dove trovare libri, oggettistica e ceramiche. È una tettoia incannucciata dove fare colazione con torte di limone profumato, è la cortesia di Coralie e Tatiana. Apro il mio Pc sulla loro scrivania e scrivo.

donna_rosa

Virginia Carnabuci mi fa conoscere l’offerta e l’accoglienza di altri alberghi, anche solo per lo spazio di un caffè e di una stretta di mano, posti dove ho scattato alcune di queste foto grazie ai loro panorami: Elihotel (con terrazza), a cui aggiungo l’Hotel Pagano, l’hotel Grotta, Il Capo Li Greci, il Kennedy e il Solemar.

Nel giro incontriamo anche Il corner del mastro birraio Andrea Mancuso, sul lungomare. dove trovate anche il Via di Fuga, l’Accabanna (con il pergolato di vite) la Perla nera, l’Happy, Il Chiosco (tutti con i cocktail speciali a prezzo stracciato).

corner

 

Parlo un po’ con Rosario, del Nautilus, anche loro avrebbero dovuto presentare un piatto, involtini di costarelle, così scopro la storia di questi pesci migranti, che vengono in queste acque solo per riprodursi e spesso finiscono nelle pance dei tonni.

Il mare è una magia. Intriso di sacralità. Il 16 luglio, si festeggia la Madonna del Carmelo, che arriva in barca, tagliando la baia.

marefest5

Nella piccola villa comunale, dal prato curato,  mi colpisce, da scrittrice, la narrazione dei piatti che ogni ristoratore affronta per partecipare al concorso. Sarà la scuola Masterchef, ma ognuno ha una competenza che è un piacere ascoltare: la vodka di mare del primo cocktail presentato da Davide, i profumi di arance e gelsomino della madama Rossa, il modo in cui Isabella introduce il gelato di more (dove il frutto è ingrediente essenziale anche della panna). Le more non vivono solo un mese e mezzo, qui diventano un sapore eterno, intriso di ricordi. Non sono solo l’estate, da cogliere al volo, sono una stagione da serbare in ricordo, ricca di antiossidanti, un valore aggiunto alla memoria e al corpo.

Una passione che seduce, che ti fa dire: io a Sant’Alessio tornerò.

 

 

Chi siamo, cosa facciamo e soprattutto che mangiamo? In quali gesti ci identifichiamo? Quali sono i nostri sapori e odori? La Sicilia è un’isola, con tutti gli annessi e connessi di una posizione geografica  e di un tessuto umano che la rendono unica. L’anima è isolana, contaminata, summa di tradizioni lontane e rielaborazioni.  Marefest nasce all’interno della nuova programmazione culturale del Comune di Sant’Alessio Siculo (ME), la provincia con la costa lussureggiante e jonica, con l’obiettivo di progettare interventi ripetibili, mirati all’identificazione, valorizzazione e promozione delle tipicità locali.
Marefest ha preso il via il 18 luglio 2017, ore 21:30, presso il cortile di Villa Genovesi con Rosario Sergi (biologo) e a seguire lo staff del suggestivo premio “La memoria del mare”.

Si prosegue oggi 19 luglio parlando di archeologia subacquea, con l’intervento del Dott. La Rocca (archeologo della Soprintendenza del mare Regione Sicilia) a cura di Fulvia Toscano per Naxoslegge.

Tutta la vivace programmazione del Marefest lega al tema del mare i molti linguaggi che ne traggono ispirazione (pesca, archeologia subacquea, gusto, arte, botanica, letteratura, benessere, cinema, bellezza, laboratori, mostre), divisi in sezioni e approfonditi da appassionati ed esperti che racconteranno di come il nostro mare sia patrimonio di inestimabile valore e fonte di determinanti progettualità future.
Il Comune di Sant’Alessio Siculo (ME) con la collaborazione di “Naxoslegge. Festival delle narrazioni”, con la partecipazione de “Il paese di fronte al mare” Associazione caffè d’Arte di Santa Teresa di Riva,
dell’ “Archeo Club Area Jonica”, con il contributo di molti imprenditori e professionisti locali che aderiscono alle iniziative del Marefest e con l’incredibile entusiasmo di un ampio staff di persone che lavorano per realizzare questo progetto, è lieto di invitarvi al “Marefest, culture e tradizioni del mare” 2017 che si svolgerà nella seconda parte del mese di luglio, toccando poi due date in agosto (18/19 agosto) e in settembre (13/16 sSettembre) con gli Extra Marefest.
Tutta la programmazione è on-line sulla pagina Facebook “Marefest”.

Per vedere la locandina cliccare sul sito http://www.marefest.it/