Monday, May 21, 2018
Home / Posts Tagged "Luigi Pirandello"

Stasera, 22 dicembre, “dopo un anno di appassionata ricerca”, come scrive l’attore Gaetano Aronica si ripropone al Teatro Pirandello Vestire gli ignudi. Un classico della commedia italiana trova un nuovo punto di vista e prova la lungimiranza del premio Nobel agrigentino.

Gaetano1

La rappresentazione chiude le celebrazioni pirandelliane del 2017. Lo spettacolo scritto da Pirandello del 1922, torna al pubblico in una nuova veste, in scena, con la regia di Gaetano Aronica (fra i protagonisti)  il grande Andrea Tidona, Barbara Capucci, Stefano Trizzino, Fabrizio Milano e la nuova, meravigliosa, Ersilia Drei di Vittoria Faro.

“Un noir a tinte forti, un Pirandello al femminile, sconvolgente per visionaria attualità, per capacità di mettere a nudo oggi come ieri una società che ha paura di guardarsi allo specchio per non vedere “ciò che non si osa confessare neanche a se stessi”. Non mancano i risvolti da commedia e il feroce umorismo che fanno dello spettacolo un evento da non perdere. Potete scegliere la vostra poltrona direttamente al Teatro Pirandello ad Agrigento. Si comincia alle 21.

25626246_1546917805399671_6902947420680731416_o

La casa degli scrittori siciliani è un’iniziativa congiunta tra il CTS Centro Teatrale Siciliano, organismo di promozione e formazione del pubblico, e il Comune di Montedoro che ha acquisito e ristrutturato un palazzetto a due piani nella piazza principale e ha dedicato le stanze ad autori siciliani: non un museo ma un centro culturale dinamico e polivalente.
In questa sede e in luoghi deputati di Montedoro (il Teatro, il Museo della Zolfara), il CTS proporrà attività teatrali articolate, collegate ad iniziative di intrattenimento culturale.
Nella sezione del progetto che va da settembre a dicembre 2017, ci occuperemo di tre autori nati in Sicilia e che dell’Isola esprimono aspetti ed umori, ma che sono parte integrante della letteratura europea: Giovanni Verga, Luigi Pirandello e Vitaliano Brancati.
Il 10 settembre nell’ampio piazzale del Museo della Zolfara prospiciente la vallata in cui si incunea il paese, metteremo a confronto due carusi di miniera: il verghiano Rosso Malpelo e il pirandelliano Ciàula, accomunati dalla condizione di schiavitù del lavoro in miniera ma distanti nel tempo (un trentennio separa le stesure delle due novelle) e per temperamento.
Verga fa di Malpelo una sorta di filosofo istintivo, torvo per carattere e pessimista per necessità, che immagina la morte come liberazione dalla sua condizione di ragazzo senza futuro.
Pirandello ci consegna Ciàula come un trentenne senza età, che si esprime soltanto con versi da cornacchia, ma che riacquista tutta la sua temperatura umana di fronte alla luna che egli, costretto a vivere nel sottosuolo, vede per la prima volta.
La casa degli scrittori siciliani non è un’iniziativa locale: essa si propone come punto di riferimento per un territorio, quello al confine tra Caltanissetta ed Agrigento, che, da tempo, manifesta vivacità culturale.

La casa degli scrittori siciliani, pur se insediata in un piccolo paese, dotato, però, di strutture in piena attività (Teatro, Anfiteatro, Museo, Osservatorio Astronomico, Planetario), si propone di diventare un’iniziativa di rilievo nazionale: per il carattere sperimentale delle sue azioni culturali; per l’innovazione e originalità dei linguaggi teatrali; per la qualità degli spettacoli proposti.
PROSSIMI APPUNTAMENTI
domenica 22 ottobre – Teatro Comunale
L’ALTRO FIGLIO
di Nino Romeo da Luigi Pirandello
sabato 25 novembre – Teatro Comunale
SUPERIOR STABAT LUPUS
di Luigi Pirandello
sabato 16 dicembre – Teatro Comunale
CARICATURE FRIVOLE
Vitaliano Brancati da fascista ad antifascista
progetto e selezione dei brani Nino Romeo

Da sabato 1 luglio, e sino alla fine del mese (30 luglio), la FAM Gallery di Agrigento (via Atenea) ospita un’interessante mostra che mette a confronto due artisti diversi per formazione, stile ed età: “I due Pirandello” è un vero e proprio dialogo per immagini – a distanza – fra padre e figlio: che parte dal drammaturgo del quale la mostra svela – tramite una piccola raccolta di opere – una vena intimistica e uno sguardo sereno e inedito sulla sfera di affetti nello scenario di Anticoli Corrado, il piccolo borgo dell’agro romano, noto come il “paese degli artisti”, frequentato da Luigi Pirandello proprio con il figlio pittore, Fausto, che qui conobbe la moglie, la modella Pompilia D’Aprile.

 

Luigi Pirandello "Ritratto di Fausto"

Luigi Pirandello “Ritratto di Fausto”

Il dialogo si annoda al lavoro del figlio Fausto, l’autentico artista di famiglia: di lui la FAM Gallery propone una collezione di piccoli pastelli realizzati tra gli anni Sessanta e Settanta, eleganti dejà vu dal lungo ciclo delle “Bagnanti”, tema ricorrente nella vena artistica del pittore, considerato oggi, a ragione, tra i massimi esponenti della Scuola Romana.

 

La mostra “I due Pirandello” – inserita a pieno titolo nel calendario di celebrazioni per il 150° anniversario della nascita dello scrittore agrigentino – conduce alla grande esposizione in programma in autunno, al Museo Archeologico. Le opere della famiglia Pirandello – le prime tele di Luigi, ma anche dei fratelli Innocenzo, Giovanni e Rosolina, del figlio Fausto, saranno messe a confronto con opere, fra gli altri, di De Chirico, Giulio Aristide Sartorio, Giuseppe Capogrossi, Giuseppe Pellizza Da Volpedo, Mario Mafai ed altri.

“I due Pirandello” è organizzata alla FAM Gallery da Paolo Minacori in collaborazione con Gabriella Costantino (soprintendente ai Beni Culturali e Ambientali di Agrigento), Gioconda Lamagna (direttrice del Polo Regionale di Agrigento per i siti culturali) e Luigi Troja (Fondazione Fausto Pirandello).

In catalogo testi del figlio di Fausto Pirandello, Pierluigi, e di Flavia Matitti. Visite: dal martedì alla domenica 17-20.30. Ingresso libero.

 

Sono trascorsi 150 anni dalla nascita di un genio, premio Nobel per la letteratura nel 1934, il siciliano Luigi Pirandello, scrittore, poeta e drammaturgo vide la luce ad Agrigento il 28 giugno 1867 .

Si inscrive tra le diverse iniziative organizzate in occasione di questa importante commemorazione promosse dal Miur, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, un’estemporanea di pittura sul tema: i luoghi e le opere di Luigi Pirandello curata dall’Accademia di belle Arti Michelangelo di Agrigento, in data mercoledì 31 maggio 2017 .

La manifestazione è riservata a 20 giovani artisti invitati dall’Accademia, le opere saranno esposte al Teatro Pirandello il giorno successivo, primo giugno. Sarà lo stesso teatro poi a ospitare – alla presenza del Sottosegretario di Stato Vito De Filippo – la cerimonia di premiazione. Le venti opere realizzate saranno donate al Ministero dell’Universitá, per un’esposizione permanete nella sede romana del Miur in viale Trastevere.

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con il Distretto Turistico “Valle dei Templi”, “La strada degli scrittori” e la Fondazione “Luigi Pirandello” di Agrigento, in occasione del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello, indice per l’a.s. 2016/2017  il Concorso Nazionale “Uno, nessuno e centomila”, rivolto a tutte le scuole secondarie di secondo grado, per sottolineare il valore culturale della sua opera, parabola della condizione esistenziale dell’uomo.

Il tema del concorso intende offrire agli studenti spunti di riflessione sul complessivo significato dell’opera dell’autore anche attraverso il teatro, quale strumento pedagogico in grado di incidere profondamente sulla crescita cognitiva ed emotiva della persona.

Gli studenti  dovranno presentare, individualmente o in gruppo, una sceneggiatura tratta da una novella dell’autore. La sceneggiatura non dovrà superare le 5 cartelle formato A/4.

Gli elaborati – accompagnati dalla scheda tecnica posta in allegato, esplicativa del lavoro contenente sia i dati anagrafici dei partecipanti sia i dati della scuola di appartenenza – dovranno pervenire all’indirizzo mail concorsopirandello150@stradadegliscrittori.it, entro e non oltre le ore 23,59 del 15 marzo 2017

Il materiale in concorso non verrà restituito.

Verrà costituita una commissione che provvederà alla selezione, a livello nazionale, delle migliori sceneggiature, presso la Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione.

Gli studenti partecipanti al concorso che avranno affrontato in maniera originale, creativa e significativa il tema oggetto del bando, saranno candidati al premio finale, consistente in un’opera realizzata a cura dell’Accademia di Belle arti “Michelangelo” di Agrigento. Ma non finisce qui: gli studenti vincitori avranno l’opportunità di rappresentare l’opera teatrale durante le celebrazioni dell’anniversario della nascita dell’autore che si terranno ad Agrigento e promosse dal Comune di Agrigento, dal Distretto Turistico “Valle dei Templi”, dalla Fondazione “Luigi Pirandello” e dalla Strada degli scrittori.