Monday, December 11, 2017
Home / Posts Tagged "Levanzo"

Si è svolta sabato, in condizioni meteo-marine ottimali, la 5^ edizione della Egadi Swim Race, la prova natatoria con una traversata che unisce l’Isola di Levanzo aquella di Favignana, separate da uno dei tratti di mare più suggestivi della Sicilia, organizzata dalla Extrema a.s.d. con il supporto dell’Area Marina Protetta ‘Isole Egadi’ e della Capitaneria di Porto di Trapani, in collaborazione con la UISP Regionale Sicilia e il Comune di Favignana.

L’evento, nato come traversata di gruppo nell’ottica della promozione dello sport, della fruizione ecosostenibile e della valorizzazione delle straordinarie risorseambientali delle isole Egadi, è diventato nel tempo una competizione sportiva molto attesa, che quest’anno ha registrato un vero record di atleti partecipanti per questa tipologie di gare, ben 110, provenienti non solo da diverse regioni d’Italia, ma anche da Malta, Austria, Usa, Sud Africa. Tra gli atleti che si sono sfidati ieri, anche l’atleta disabile Enrico Giacomin, e Maurizio Romeo, atleta ipovedente.

Novità di questa edizione sono state le due distanze previste: alla tradizionale 4.5 km si è affiancata una prova di 9.5 km. La partenza per entrambe le prove è stata unica dal Faraglione Grande di Levanzo. La prova sui 4.5 km si è conclusa a Favignana, in località Punta Faraglione. Gli atleti partecipanti alla 9.5 km hanno proseguito sotto costa fino a raggiungere la spiaggia in località Cala Rotonda. Gli atleti hanno nuotato in sicurezza scortati dai mezzi nautici dell’Area marina protetta, della Capitaneria di Porto e della Polizia Municipale.

Queste le classifiche per entrambe le prove:

Prova sulla distanza della 4,5 km maschile:

1° classificato Toni Trippodo 51.53”
2° classificato Giampiero Brugaletta 1.07.36
3° classificato Alberto Alatri 1.09.45

Prova sulla distanza della 4,5 km femminile:

1^ classificata Milena Barbieri 1.13.41
2^ classificata Valentina Trabucco 1.18.17
3^ classificata Carla Cerutti 1.21.28

Prova sulla distanza della 9,5 km maschile:

1° classificato Marco Millefiorini 2.18.31
2° classificato Davide Guglielmi 2.29.30
3° classificato Alessandro Molani 2.30.28

Per la classifica femminile dei 9.5 km il podio viene conquistato dalla sudafricana Lynne McGracor in 3h 14’ e la seconda classificata è Sabrina Peron con 3.28.35.

egadi2

Tutti gli atleti si sono dichiarati “affascinati e stregati dalle isole” e grande è la soddisfazione espressa dall’organizzazione. La Extrema asd conferma che l’appuntamento verrà ripetuto il prossimo anno e ringrazia l’Area Marina protetta, per il supporto assicurato all’iniziativa, e anche la Capitaneria di Porto di Favignana e quella di Trapani, per la presenza costante e il supporto.

Soddisfazione è stata espressa anche dal Sindaco e presidente dell’AMP, Giuseppe Pagoto, che ha sottolineato “come le Egadi si prestino a essere meta di un turismosportivo ecosostenibile, legato alla vela, al trekking, al nuoto e al cicloturismo. La Egadi Swim Race è ormai un appuntamento fisso, con crescente successo, che sosteniamo e vogliamo ripetere negli anni a venire”.

Fra le isole dell’arcipelago delle Egadi, Levanzo è la più piccola, 5 kmq di estensione, ed è caratterizzata da rocce calcaree bianche e coste dirupate. Grazie al relativamente basso numero di abitanti l’isola è riuscita a conservare circa 400 specie di piante, soprattuto rupestri, alcune delle quali endemiche. Altro aspetto che rende l’isola unica è la presenza, sulle pareti di una delle grotte di origine marina, di incisioni paleolitiche e figure dipinte di età neolitica. Le incisioni e le pitture della grotta nota come “Grotta del Genovese”, hanno portato nuova luce nel panorama dell’arte preistorica europea. Uno degli aspetti paesaggistici più gradevoli di Marettimo è la diffusa copertura del suolo da parte di piante arbustive mediterranee. Non le piante erbacee annuali o le graminacee che in Sicilia sono il risultato della trasformazione millenaria della gariga in pascolo o seminativo. A Marettimo, come in vaste aree della Sardegna e della Corsica, il verde si mantiene anche in estate, a dispetto dell’aridità, e i colori della gariga mediterranea, con l’aggiunta dei suoi aromi, dominano insieme al blu e al rumore del mare. Cinque specie vegetali sono endemiche esclusive di Marettimo. Tra queste c’e’ una piccola apiacea rupestre, il Bupleurum dianthifolium Guss., che doveva avere in passato areale ben piu’ esteso e oggi si trova solo sulle rupi del Monte Falcone, m 686, la cima più alta dell’isola. Marettimo si è separata dalla Sicilia, per innalzamento del livello del mare, circa 600.000 anni fa. Dai Greci fu chiamata Jiera (falco) ed è la più verde, la meno antropizzata, la più montuosa delle isole Egadi. La costa occidentale presenta imponenti pareti calcaree a strapiombo sul mare e numerose grotte.

Programma

Venerdì 2 giugno: Raduno dei partecipanti a Piazzale John Lennon (ex Giotto) a Palermo alle ore 7.45 e partenza con auto proprie per Trapani. Imbarco in aliscafo per Levanzo alle ore 09.40. Arrivo previsto alle ore 10.25. Dopo aver lasciato i bagagli al bar vicino al porto, partenza a piedi lungo il sentiero costiero verso i faraglioni e alla Grotta del Genovese. Visita guidata della Grotta e rientro a piedi lungo sterrata. Nel pomeriggio possibilità bagno in mare a Cala Mennula. Alle 18.20 aliscafo per Marettimo dove è previsto l’arrivo intorno alle 18.45 Sistemazione in B/B ed in appartamenti in stanze doppie e/o triple. Cena e pernottamento.
Scheda tecnica: lunghezza percorso km8 circa, dislivello complessivo m300 circa.

Sabato 3 giugno : Dopo la prima colazione, partenza a piedi per Punta Troia; possibilità di fare il bagno. Colazione al sacco. Rientro in paese in pomeriggio (possibilità di rientrare con servizio barca-taxi). Cena e pernottamento.
Scheda tecnica: lunghezza percorso (andata e ritorno): 8 km circa, dislivello: 300 m circa

Domenica 4 giugno: Dopo la prima colazione, partenza per escursione alle Case Romane e Semaforo (500 m s.l.m.), discesa verso Punta Libeccio e Faro, con possibilità di bagno a Cala Nera. Rientro lungo sterrata forestale. Cena e pernottamento.
Chi non ha preso un giorno di ferie il lunedì 5 può rientrare oggi in serata a Trapani.

Scheda tecnica: lunghezza circa km12, dislivello complessivo circa m700 (compresa la salita lungo la strada del ritorno).

Lunedì 5 giugno: Prima colazione e partenza per escursione a Punta Bassana (183 m s.l.m.). Discesa verso Cala Marino con possibilità di fare bagno. Chi lo desidera potrà effettuare, se le condizioni meteo lo consentono, il giro in barca dell’isola. In pomeriggio, ripresi i bagagli, partenza in aliscafo per Trapani alle ore 16.30 con arrivo previsto alle ore 17.50. Rientro a Palermo in serata.

Quota di partecipazione: €245 comprensiva di tariffa aliscafo, tre cene, tre pernottamenti con prime colazioni, ingresso alla grotta del Genovese e quota Artemisia. Ovviamente chi parte domenica pomeriggio ha la quota di partecipazione decurtata di conseguenza.

Contributo per il trasporto, a carico di chi fruisce di passaggio in auto da Palermo a Trapani, €10. Chi desidera può arrivare al Porto di Trapani con il pullman di linea. In tal caso appuntamento al molo degli aliscafi entro le 9,15.

Le adesioni vanno comunicate a Giuseppe (3403380245) contestualmente al versamento di un acconto di €50 (in sede Artemisia in portineria via Serradifalco, 119 o presso il negozio Genchi Extreme in via Cavour,28 a Palermo o bonifico). Il numero dei posti è limitato quindi si accetteranno le prenotazioni fino ad esaurimento degli stessi.

Qualche nota naturalistica la trovate qui: https://murieta70.blogspot.it/2014/03/marettimo.html

Guida: Giuseppe Ippolito

Importanti novità nei collegamenti marittimi da e per le Isole Egadi in seguito all’aggiudicazione da parte della Regione Siciliana dei servizi integrativi di trasporto con mezzi veloci per i prossimi cinque anni alla Compagnia Liberty Lines. A seguito delle richieste avanzate dall’Amministrazione Comunale delle Egadi, quest’anno viene istituita per la prima volta in assoluto un’ulteriore linea di collegamento per Marettimo con partenza da Trapani alle ore 9.55. La corsa servirà le tre isole, Levanzo, Favignana e Marettimo, senza trasbordo, ripartendo poi da Marettimo per Trapani alle ore 11.20. Sempre grazie alle pressanti richieste dell’Amministrazione, a tutela del diritto alla mobilità dei residenti delle isole, e di quelli della più lontana, in particolare, la corsa delle ore 17, da Trapani per Marettimo, è stata spostata alle ore 17.40. Un’altra importante novità riguarda una corsa serale. Infatti è stata ripristinata, dopo anni di assenza, la corsa delle ore 22.20 da Trapani per Favignana, che ripartirà dall’isola alle 23.20 per tornare sulla terraferma. I nuovi orari entreranno in vigore a partire da dopo domani, venerdì 22 luglio.

“Siamo soddisfatti per il fondamentale risultato raggiunto – dicono il sindaco, Giuseppe Pagoto, e il vice sindaco, con delega ai Trasporti e alle frazioni, Enzo Bevilacqua – . Non abbiamo mai smesso di portare avanti le istanze degli isolani, dei dimoranti e dei tanti visitatori in tutti le sedi e i tavoli preposti. Oggi questo risultato conforta il nostro lungo lavoro. E’ doveroso ringraziare l’Assessorato Regionale ai Trasporti per avere rispettato i tempi del bando e per aver accolto le nostre istanze. Possiamo guardare ai prossimi anni con più fiducia anche se non abbasseremo la guardia perché è necessario per il prossimo anno individuare le risorse necessarie così come accaduto quest’anno, in un percorso di garanzia dei servizi e di crescita in qualità e quantità dei trasporti grazie anche alla lungimiranza e agli investimenti della compagnia di navigazione della famiglia Morace”.

Che bello vivere le feste nelle Isole, partecipare alle celebrazioni della comunità, vivere con gli altri la trepidazione la tradizione. In Sicilia, fra vampe (i fuochi accesi nella notte di San Giuseppe) el le sfince, si celebra la figura del Santo con gli altari e i pani votivi. Comincia oggi, alle Egadi, la Festa di San Giuseppe, che prevede una serie di iniziative organizzate dal Comitato Religioso dei Festeggiamenti, con la Parrocchia Maria SS delle Grazie di Marettimo e il Patrocinio del Comune di Favignana – Isole Egadi. In molte case si organizzano gli altari che potete vedere in un paio di immagini (ne parla anche Giuseppe Russo nel suo post, su Balestrate).

La ricorrenza verrà seguita dall’Amministrazione Comunale e dalle istituzioni isolane con grande partecipazione in tutte e tre le isole: a Favignana domani a partire dalle ore 15 il parroco della Chiesa Matrice, padre Damiano, farà il giro degli altari allestiti nelle varie abitazioni, per la benedizione, e venerdì alle 17 verrà celebrata la Santa messa cui poi farà seguito, alle 18, la Processione per le vie del paese cui prenderà parte l’assessore Tiziana Torrente. In mattinata, alle ore 11.30 si terrà l’ “invito ai Santi”, con una tavolata allestita in piazza Matrice.

Altare a Marettimo

Altare a Marettimo

La popolazione viene interamente coinvolta, protagonista assieme alle istituzioni, il sindaco, Giuseppe Pagoto e il vice sindaco, Enzo Bevilacqua.

Come si legge nel comunicato stampa:

L’atmosfera di festa è già viva alla vigilia per l’alza bandiera con l’effigie di San Giuseppe e l’arrivo della banda musicale, che attraversa le vie del paese e raccoglie fondi per un particolare rito. La sera, infatti, tutta la popolazione assiste al rito della “Duminiara”. Si fanno ardere tre cumuli di legna composti da arbusti raccolti sull’isola e fatti essiccare per qualche giorno; i tre fuochi rappresentano la Sacra Famiglia: per tradizione nel fuoco centrale si bruciavano le vecchie barche al grido di “Evviva u Patriarca di San Gnuseppe”, seguito da un corale “Vivaaa”.

Anche Levanzo è pronta per le iniziative religiose e ludiche – seguite dall’assessore al Turismo Giusy Montoleone, programmate a partire da venerdì mattina alle 10, con la Santa Messa, per proseguire alle ore 11 con l’”invito ai Santi”, una Processione alle 16.30 e a seguire i giochi d’artificio. In serata, alle ore 19.30, il cabaret con Marco Manera, comico, attore, autore e formatore teatrale (che si esibirà  ancora il venerdì 19 in serata a Favignana a Cava Sant’Anna);  Il 19 marzo è in programma ancora una Santa Messa alle 10 e alle ore 21 la “Vampata”, che si concluderà con una degustazione di busiate e salsiccia arrostita e una serata danzante. Sabato 20 marzo alle 14.30 si terranno i giochi d’intrattenimento per adulti e bambini tra cui il classico gioco delle “pignate” per la chiusura delle manifestazioni:

A seguire il programma organizzato a Marettimo:

Giovedì 17 Marzo:

ore 10,00 – Arrivo Banda Musicale, ingresso e giro di saluto per il Paese

ore 11,00 – ALZABANDIERA  in presenza delle autorità civili militari e religiose con l’effige di San Giuseppe

ore 15,00 – Inizio Giochi Folkloristici in Piazza

ore 17,30 – Novena di San Giuseppe e Santa Messa

ore 18,30 – Tradizionale rito della “Duminiara”, tre falò in onore di Gesù, Giuseppe e Maria

ore 21,15 – Degustazione in Musica – Spettacolo Varietà

 

Venerdì 18 Marzo:

ore 9,30 – Arrivo delle autorità religiose, civili e militari

Ore 10,00 – Santa Messa in Piazza

Ore 11,00 – Tradizionale rito dell’ALLOGGIATE e Pranzo in Piazza offerto alla Sacra Famiglia, degustazione di “divuzione”

Ore 16,00 – Rito della consegna della chiave da parte del sindaco delle Egadi. Processione delle Statue raffiguranti San Giuseppe e San Francesco di Paola “Santu Patri”.

Giochi pirotecnici

Degustazione in musica

 

Sabato 19 Marzo:

Ore 8,30 – Giro Bandistico

Ore 10,00 – Giochi Folkloristici in Piazza

Ore 15,00 – Giochi Folkloristici in Piazza con la partecipazione di Carla Maltese della Rai dal programma “Mezzogiorno in famiglia”

Ore 21,30 – Spettacolo Musicale e Varietà con il gruppo “H Mora” e il duo comico “Toti e Totino”.

Quest’anno, per la prima volta, sarà possibile seguire le iniziative legate al Santo Patrono a Marettimo anche in streaming: dalle 10 del mattino di venerdì 18 marzo, sul canale youtube del sito on line Tvio.it, una foto sulla home page rimanderà al collegamento.

Un modo per rendere partecipi i tanti marettimari lontani dalla propria isola che non hanno mai dimenticato le loro origini e le loro tradizioni.