Sunday, September 15, 2019
Home / Posts Tagged "itinerario"

Meretrici, case chiuse, passioni clandestine e pratiche amatorie. Domenica 16 giugno l’Associazione di promozione sociale Tacus Arte Integrazione Cultura propone “Palermo a luci rosse. Eros, vizi, peccati e case chiuse”, il tour originale ideato nel 2016 sulla storia e i luoghi della prostituzione a Palermo: dalle Veneri ericine alla legge Merlin. Un itinerario storico-antropologico che, articolato nel cuore del centro storico cittadino, tra racconti, testimonianze, aneddoti e curiosità, traccia uno spaccato sull’evolversi del fenomeno del meretrici, sui costumi sessuali della Sicilia e sulla condizione femminile sia all’interno che all’esterno delle case di tolleranza.

Il raduno dei partecipanti è fissato alle ore 20:45 a Piazza San Domenico. Il contributo a sostegno dell’iniziativa è di €3 soci Tacus €5 non tesserati.

La partecipazione all’evento è valida previa prenotazione da effettuarsi telefonicamente al 3202267975.  Le passeggiate raccontate organizzate da Tacus sono un’operazione di valorizzazione e promozione del patrimonio storico, culturale e immateriale. “Palermo a luci rosse” è un percorso originale ideato da Tacus Arte Integrazione Cultura.

N.B.: Il tour è un racconto itinerante e non è da intendersi come una visita guidata; non prevede ingressi e avverrà totalmente in esterna. L’adesione è valida solo su prenotazione, da effettuarsi telefonicamente al 320.2267975 (attivo WhatsApp). In caso di anomalie o imprevisti, lo staff si riserva di annullare/posticipare l’evento. Variazioni ed eventuali modiche saranno comunicate tempestivamente a tutti i partecipanti.

RADUNO: Piazza San Domenico ore 20.45

CONTRIBUTO INIZIATIVA: €3 soci Tacus | €5 non tesserati

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: 3202267975

Martedì 7 marzo alle ore 12, presso i locali della Curia Arcivescovile di Agrigento, si terrà la Conferenza Stampa di presentazione della “Magna Via  Francigena”, progetto promosso dal Comune di Castronovo di Sicilia e dal partenariato diffuso di tredici Comuni, dalla Diocesi di Agrigento e con il supporto dall’associazione Amici dei Cammini Francigeni di Sicilia. Il progetto è sostenuto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dall’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Sicilia.

La ricerca storica e le ricognizioni archeologiche hanno ricostruito negli anni una rete viaria che percorre tutta la Sicilia in età bizantina, islamica e alto medievale. Si tratta di un circuito di vie che permetteva di collegare i principali porti per lo spostamento verso centri maggiori: Palermo per la Spagna catalana e aragonese e per la penisola italica, Mazara e Agrigento per l’Africa settentrionale, Messina per l’Italia centrale, l’Oriente e la Terra Santa.
 
Nel corso della Conferenza Stampa si svelerà ufficialmente il progetto Magna Via Francigena, un itinerario che percorre il tragitto Palermo-Agrigento e viceversa, attraversando l’interno dell’Isola nel versante occidentale: un circuito aperto a camminatori e pellegrini da tutto il mondo composto da otto tappe per quasi 160 km di sentieri trazzerali o strade provinciali a basso impatto di traffico, con la media di circa 20-25 km a tappa. Più di 14 le amministrazioni comunali coinvolte che già hanno strutturato un percorso di accoglienza e di servizi al pellegrino.
 
La Magna Via Francigena è uno dei più importanti tasselli nel processo ricostruzione delle “viae francigenae”, un lungo ed appassionante lavoro di riscoperta basato su ritrovamenti documentali e sulle tracce archeologiche emerse lungo il percorso e studiate dal mondo accademico.