Friday, December 15, 2017
Home / Posts Tagged "festival Kaos"

È cominciato il conto alla rovescia. Mancano pochi giorni per scatenare il Kaos, che riempirà Agrigento di libri, parole performance e musica il 9 e 10 dicembre 2017.

Quest’anno la carovana del Kaos, diretta da Peppe Zambito, approderà presso l’Accademia di belle Arti Michelangelo diretta da Alfredo Prado, nella nuova sede di via Bac Bac 7.

Dopo le consuete consultazioni – ricordiamo che il premio della giuria popolare verrà consegnato durante la manifestazione – la rosa dei riconoscimenti assegnati a personalità isolane, da consegnare durante il Kaos, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana, è stata stilata.

Il Festival Kaos, per le sue caratteristiche, ha scelto i suoi candidati ideali in base a criteri evidenziati nelle attribuzioni, come per i premi “Identità siciliana” conferiti a: Andrea Bartoli, ideatore della Farm Cultural Park di Favara; Giacomo Pilati, scrittore e organizzatore di importanti eventi culturale e a Nicolò D’Alessandro, memoria artistica e storica dell’isola.

Dove il lavoro personale, la ricerca e sperimentazione dei vincitori è confluito fortemente nello sviluppo, nel contributo fattivo e nella promozione della bellezza del territorio.

I Premi speciali conferiti da Kaos in occasione del 150° della nascita del drammaturgo Luigi Pirandello vanno a: Gaetano Aronica, Francesco Bellomo, Gianfranco Jannuzzo, tre agrigentini che con costanza promuovono il teatro Pirandelliano in tutta Italia con il “Berretto a sonagli”; Felice Cavallaro, giornalista e ideatore della Strada degli scrittori; Enzo Alessi e Antonella Morreale, che si sono distinti per l’impegno culturale e soprattutto con una costante attività teatrale.

Il Premio “Gesti e parole di legalita” va al: Comune di Joppolo Giancaxio, promotore della marcia e della giornata della legalità; e allo scrittore Giacomo Cacciatore, autore di “Uno sbirro non lo salva nessuno” (Dario Flaccovio editore).

Il Premio “Rita Atria” andrà a: Angelo Sicilia (autore e ideatore dei Pupi antimafia) e all’Associazione Gammazita, per l’utilizzo della creatività in azioni di recupero e rivisitazione della tradizione come strumento di riscatto sociale.

Il Premio speciale Kaos “Alessio Passalacqua” va alla poetessa Giuseppina Mira, da sempre impegnata nella promozione culturale del territorio.

Mentre il Premio “Salvatore Coppola”, in ricordo dell’editore trapanese, va ad: Ezio Noto, musicista e scrittore, per il libro “Mio padre non conosce la mia musica” (ed. Medinova).

Le pagine social dell’evento:

Instagram: Kaos Festival

Twitter: @kaos_festival

Facebook: https://www.facebook.com/kaosnews/

Seguiteci su Fattitaliani.it al link http://www.fattitaliani.it/search/label/Kaos

La data e la località non sono ancora stati definiti, d’altronde a contraddistinguere Kaos Festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana, è proprio la caratteristica nomade e itinerante della kermesse organizzata dall’Associazione Top Stage col sostegno di Istituzioni, Enti e altre Associazioni locali, e da un gruppo di appassionati e letterati, coordinati dal direttore artistico Giuseppe Zambito.

Come un circo moderno, il festival arriva e monta banchetti di libri, angoli degustazioni, inizia a coinvolgere i cittadini con presentazioni di libri, dibattiti con autori, spettacoli teatrali e musicali.

Il festival Kaos è sopratutto un concorso letterario che tiene fino alla fine col fiato sospeso diviso in tre sezioni: narrativa, poesia e racconti. A presiedere la giuria quest’anno è stato chiamato il giornalista e saggista Michele Gambino che andrà a sostituire lo scrittore trapanese Giacomo Pilati.

“Come da regolamento il presidente di giuria cambia ogni tre anni – spiega Giuseppe Zambito – mi sento di ringraziare Giacomo Pilati che ha ricoperto questo ruolo fino all’anno scorso con grande entusiasmo, non a caso sarà lui ad aprire con il suo ultimo libro la nuova edizione. Michele Gambino è un grande professionista. Un giornalista, ma anche uno scrittore raffinato che conosce bene l’anima della Sicilia – conclude Zambito – ne conosce la bellezza e la dannazione, sono convinto che saprà interpretare al meglio il ruolo di Presidente e saprà dare un ulteriore impulso all’idea kaotica del festival”

 

Kaos è il festival di editoria, legalità e identità siciliana, diretto da Peppe Zambito, che ha deciso di essere itinerante e di animare diversi luoghi storici e significativi della Sicilia.

Quest’anno si terrà dal 28 al 30 ottobre a Racalmuto, in provincia di Agrigento, la cittadina che ha dato i natali allo scrittore e saggista Leonardo Sciascia.

Se volete dare una forma al Kaos, non vi resta che partecipare al contest fotografico #NeiluoghidiSciascia.

Aspettiamo le vostre immagini scattate in giro che facciamo esplicito riferimento alla manifestazione letteraria itinerante –  ospitata presso il Castello Chiaramonte di Racalmuto – e soprattutto allo spirito di Leonardo Sciascia.

Cosa bisogna fare? Armarsi (sì, armarsi, perché la letteratura è una forma di resistenza pacifica) di un libro di Sciascia, e se non se l’avete è occasione di leggerlo, e fotografatelo in uno scorcio della Vostra città o paese particolarmente significativo.

Se riuscirete a esprimere anche lo spirito della scrittura di Sciascia, come dicevamo, tanto meglio, provate a mettervi sulle sue tracce, a seguire i suoi stupefacenti accostamenti, a immergervi nei suoi concetti.

Ma quello che ci preme testimoniare, attraverso le Vostre immagini, è l’identità siciliana, l’importanza della letteratura e la promozione della cultura locale, tutti i principi fondamentali promossi, ormai da anni, dal festival Kaos.

Le immagini vanno spedite all’indirizzo di posta elettronica kaosfesteditoria@gmail.com, o condivise direttamente sulla pagina Fb del Festival Kaos https://www.facebook.com/kaosnews/?fref=ts

o quella twitter,  https://twitter.com/kaos_festival @kaos_festival

senza dimenticare l’hashtag #NeiluoghidiSciascia.

Condivise sulle pagine social di Kaos verranno votate a suon di like e selezionate dal nostro comitato di autori e artisti.

Intanto, Vincenzo Di Leo, fotografo ufficiale della manifestazione, si è messo sulle tracce di Sciasca e ha scattato immagini che possono ispirarvi e stimolarvi, ecco la sua gallery(la scuola è la stessa dove Sciascia ha insegnato) :

 

Cosa si vince? Libri, messi in palio dalle case editrici che partecipano al festival di editoria Kaos.

La pubblicazione della foto presso il sito della manifestazione. E altri riconoscimenti in fase di definizione. Seguiteci.

La premiazione avverrà nell’ambito della serata finale di Kaos edizione 2016.

locandina_contest