Thursday, August 24, 2017
Home / Posts Tagged "cappelli"

Sotto i riflettori l’arte del riciclo, quello di Emilia Tornatore che crea originalissimi accessori per le donne. Dai cappelli vintage ai fascinators, quei piccoli copricapo che si appuntavano con le forcine fra i capelli. Ma nel mondo creativo e variegato dell’artista, ci sono anche singolari patchwork, sia classici che moderni che :”in genere – spiega la Tornatore – faccio riciclando vecchi tessuti e abbigliamento usato,  maglia, uncinetto, chiaccherino, tombolo (poco e male)”. Lei ricama sia a mano che e mano-macchina, modella i cappelli di feltro e si diverte con il riuso; crea accessori fatti con le cravatte e tessuti usati, le piace tanto la manipolazione delle stoffe.

tornatore 1

I suoi accessori si accendono quindi colore, rendendo chi le indossa, decisamente particolare, conferendo fascino e quel pizzico di nostalgica sensualità che nel mondo della moda forse si è un po’ perso.

Bella, bellissima la sua collezione. Noi vi mostriamo alcuni dei pezzi più emblematici, e se volete indossarli contattatela su facebook.

tornatore 5

Avete mai visto cappellini in rafia su cui si poggiano uccellini? Gabriella Giardina, artista eccentrica, alla mano e di grande cultura, fa anche questo. Ed oltre al  simpatico ed inusuale accessorio con le ali che si poggia elegantemente sulle teste di chi non vuole il solito copricapo, Gabriella inserisce con gusto (è il caso di dirlo) anche tanta frutta; mele, ciliegie, mirtilli, lamponi…Le sue allegre creazioni sono realizzate ad uncinetto e, in altre svettano elementi floreali che spaziano dal rosa confetto, al giallo limone, dal bianco, al rosso.

Belli e allegri i suoi cappelli, forse riflettono il suo carattere sempre pronto alla battuta, disponibile e sincero, di una sincerità disarmante.

Gabriella Giardina, nota ormai da molti anni nei salotti di Palermo come la ‘cappellaia’, crea anche cappelli in stoffa guarniti con fiori e nastri che ricordano la Belle Epoque, i magici giardini d’altri tempi in cui passeggiavano belle signore vestite con abiti stupendi e a cui non mancavano mai guanti, ombrellini e ovviamente copricapo da far girar la testa agli uomini che con garbo e in punta dei piedi, le corteggiavano.

Una curiosità: l’artista fa parte del gruppo ‘Cappelli che passione…” creato da Grazia Frappi, che conta migliaia di altri membri ‘. Cercatelo su fb e ammirate, non ve ne pentirete.