Wednesday, June 26, 2019
Home / Posts Tagged "bucce d’arance"

Avete mai pensato di potere indossare abiti fatti con scarti alimentari? Le nuove frontiere dell’ecosostenibilità spaziano ormai in ogni ambito, e il riuso o riciclo sono ormai parole d’ordine promosse sia per economizzare che per rendere un buon servigio all’ambiente e alla salute. Così, grazie all’ingegno e alla creatività di due ricercatrici siciliane, l’equazione vestirsi con gusto declinando la moda in “green, è diventata una interessante start up, un impegno imprenditoriale vero e proprio.  E’ nato così il progetto Orange Fiber, ovvero dalle fibre di bucce d’arance e limoni un nuovo modo di creare abiti,  senza sprecare nulla dagli scarti, abbracciando un’ideale ecosostenibile e dando un originale contributo al made in Italy.

Le paladine e ideatrici di questo progetto di moda sostenibile che prende il nome di Orange Fiber sono Adriana Santanocito e Enrica Arena, che attraverso un lavoro sinergico con il Politecnico di Milano, sono arrivate attraverso un processo di trasformazione delle bucce degli agrumi a brevettare e a ricavare una sorta di impasto, da cui ottenere la cellulosa, poi il filato ed infine il tessuto per confezionare gli abiti.

Come raccontano le due ricercatrici siciliane “La moda ha sempre bisogno di materiali alternativi, e noi siamo partite dalla denuncia degli aranceti dove i frutti finiscono per marcire e vengono distrutti. Così abbiamo pensato di trasformare lo spreco in una risorsa…”. Per Orange Fiber il successo è in continua ascesa. Riconoscimenti e l’arrivo di investitori privati danno ragione a un progetto che non solo non spreca ma fa anche bene alla salute. Pensate, infatti che i vestiti in fibra di agrumi a contatto con la pelle sono persino in grado di rilasciare sul corpo vitamine A, E e C.

Ora si dà il caso che questa genialissima idea sia stata promossa a pieni voti dal Global Change Award, iniziativa lanciata lo scorso anno e  dedicata all’innovazione nell’industria della moda lanciata dall’organizzazione no-profit H&M Conscious Foundation. Un traguardo che premia certamente una start-up efficace e i frutti più generosi di Sicilia.