Thursday, August 24, 2017
Home / Posts Tagged "Bagheria"

Le scorse edizioni hanno raccolto grande successo, di pubblico, di partecipazioni. Molti professionisti del settore hanno usato il palco di Bagheria per proporsi, raccontare i propri percorsi, svelare l’animazione come mestiere possibile. Incontri esemplari, che hanno aperto la porta sulla creatività, la nascita dei sogni e hanno indagato l’universo della cinematografica animata. Animaphix torna a Villa Cattolica – Museo Guttuso, sede d’arte e storia, e si avventura nella sua terza edizione, dal 27 al 30 luglio. Animaphix è anche uno sciame di persone, famiglie con bambini, ragazzi, curiosi, che partecipa a masterclass, laboratori, assaggia birre, panini, si siede e assiste a proiezioni continue, in poche ore fa il punto, riprende le fila di un discorso interrotto magari durante l’infanzia, vede sfilare immagini che lo ricongiungono all’anima delle anime. Animaphix è anche un’atmosfera, un festival originale, un’opportunità, è come parlare con vecchi amici. Sapere che sullo schermo si può comporre qualcosa che prima non esisteva. A seguire il programma. Buona visione:

Dal 27 al 30 luglio Bagheria si trasforma: Animaphix diventa il luogo ideale in cui le arti visive convergono, dal cinema alla pittura, dall’incisione alla scultura, dall’illustrazione alla tecnologia, trovando massima espressione nel cinema d’animazione d’autore.

P R O G R A M M A:

*Giovedì 27 luglio*

h. 10:00 – 17:00

– Workshop “Rotoscoping Life” con Michele Bernardi

h. 20:30 – 21:00
– Cerimonia di apertura

h. 21:30 – 22:30
– Retrospettiva Georges Schwizgebel (p.te 1)

h. 22:00 – 23:00
– Short-Film Competition

__________

*Venerdì 28 luglio*

h. 10:00 – 17:00
– Workshop “Rotoscoping Life” con Michele Bernardi

h. 11:00 – 12:00
– History of Animation: Masterclass di Giannalberto Bendazzi

h. 17:00 – 18:30
– Focus on Svizzera: Animatou Genève

h. 18:30 – 19:30
– Carte Blanche: Georges Schwizgebel

h. 21:00 – 21:30
– Retrospettiva Georges Schwizgebel (p.te 2)

h. 21:30 – 23:00
– Short-Film Competition

___________

*Sabato 29 luglio*

h. 10:00 – 17:00
– Workshop “Rotoscoping Life” con Michele Bernardi

h. 16:00 – 19:00
– Anima-Kids: workshop “Onde Animate”

h. 17:00 – 18:30
– Queer Animation

h. 18:30 – 19:30
– Carte Blanche: Piotr Dumała

h. 21:00 – 21:30
– Retrospettiva Piotr Dumała (p.te 1)

h. 21:30 – 22:00
– Short-Film Competition

_____________

*Domenica 30 luglio*

h. 10:00 – 17:00
– Workshop “Rotoscoping Life” con Michele Bernardi

h. 10:00 – 13:00
– Anima-Kids: workshop “Onde Animate”

h. 17:00 – 18:00
– Cine-Kids

h. 17:00 – 18:30
– Future: Centro Sperimentale di Cinematografia

h. 18:30- 19:30
– Soundscapes: masterclass con Stefano Sasso

h. 21:00 – 21:30
– Retrospettiva Piotr Dumała (p.te 2)

h. 21:30 – 22:00
– Short-Film Competition

h. 22:00 – 22:30
– Animaphix Off: Short-Film fuori concorso

h. 22:30 – 23:00
– Animaphix Off: Proiezione videoclip del workshop “Rotoscoping Life” con Michele Bernardi

h. 23:00
– Premiazione

Per ulteriori info consulta il sito: http://www.animaphix.com/it/

ACCREDITI E TICKETS:

UN BIGLIETTO UNICO PER ACCEDERE A TUTTI GLI EVENTI DEL FESTIVAL:
CONCORSO, RETROSPETTIVE, FOCUS, MASTERCLASS, INCONTRI, CINE-KIDS, PERFORMANCE LIVE.

Accredito giornaliero: 5 €
Abbonamento per l’intera durata del festival: 15 €
Ridotto studenti: 3 € (mediante esibizione del libretto universitario)
Under 14 e over 70: ingresso gratuito
Accrediti stampa (giornalisti) e industry (professionisti del settore): ingresso gratuito
*I BIGLIETTI SONO ACQUISTABILI PRESSO LA BIGLIETTERIA DI VILLA CATTOLICA NEI GIORNI DEL FESTIVAL.

** Gli abbonati del festival potranno ottenere un biglietto d’ingresso omaggio per Museo Guttuso_Villa Cattolica (Bagheria) durante i giorni del festival, da ritirare presso la biglietteria di Villa Cattolica.

INFO: http://www.animaphix.com/it/ // info@animaphix.com

L’associazione culturale Parru cu tia, in collaborazione col Public Sea, vi invita al primo appuntamento della rassegna estiva di cinema sotto le stelle, ideata e curata dal professore Domenico Aiello, esperto di cinematografia e docente di storia e filosofia presso il liceo classico “F. Scaduto” di Bagheria.
Le proiezioni si terranno presso il lido balneare del Sea Public alle 21:30 e saranno anticipate da un aperitivo servito al tavolo, per il quale bisogna sempre prenotarsi al numero 3318012975 (risponde Nico Caputo).

A voi direttamente l’invito del professore D. Aiello:
L’estate siciliana esalta la luce, i colori, l’azzurro intenso del nostro mare e la voglia di stare insieme e all’aperto. Da sempre Aspra è l’Estate dei baarioti e non solo. La piccola rassegna di tre film vuole sottolineare tre parole: Colori/Musica/ Vita, perché il cinema vive di luce e di ombre I tre film raccontano la vita con le sue gioie e i suoi drammi e, soprattutto, come esprimere i colori che abbiamo dentro”. Si comincia con il film che apre la rassegna, legato alla prima parola della nostra tripletta, ovvero “colori”, si tratta di Frida (2002, Julie Taymor; USA, Canada, Messico).”

Ecco cosa dice wikipedia di questo affascinante sito a pochi chilometri dal capoluogo: “Solunto è un’antica città ellenistica sulla costa settentrionale della Sicilia, sul Monte Catalfano, a circa 2 chilometri da Santa Flavia, di fronte Capo Zafferano, nei pressi di Palermo. Secondo Tucidide, Solunto costituiva, assieme a Panormus e a Motya, una delle tre città Fenicie, in Sicilia. In realtà alcuni scavi, che hanno interessato questo sito, mostrano come l’ipotesi che Solunto fosse una cittadina dalle origini fenicie sia ancora priva di supporti archeologici adeguati, e ne indicano come autentici fondatori i Sicani, maggiormente motivati a stanziarsi in una così particolare collocazione (come i pendii di un promontorio roccioso).”   Il 2 aprile una passeggiata per conoscerla meglio. Di seguito le info utili per partecipare alla passeggiata
– Orari e luoghi di raduno:
1° appuntamento Ore 8:15 Bagheria, svincolo autostradale (Bar Diva)
2° appuntamento Ore 8:45 Parco archeologico di Solunto

Spostamento con mezzi propri.
– Ora di rientro prevista: 13:00 circa
– Quota di partecipazione a persona: 4 euro
– Per info o prenotazione contattare: Francesco Galioto 3881118200 – Matteo La Rosa 3299854681
e-mail: naturandosicilia@gmail.com
Per partecipare è obbligatoria la prenotazione.
E’ gradita la prenotazione entro il venerdì sera precedente il giorno dell’evento.

N.b. L’escursione potrà subire modifiche o essere annullata in caso di avverse condizioni metereologiche.

Chi ha una Vespa Piaggio lo sa, niente è più bello di andarsene in giro la domenica mattina. A zonzo col sole di una primavera anticipata è un privilegio che i vespisti conoscono e apprezzano. Metteteci la bellezza di Bagheria con le sue ville sontuose e i sapori tipici. Se volete partecipare l’appuntamento è a Palermo, alle ore 09:30 al distributore ENI di Bonagia, con raduno, magari un caffè e partenza ore 10:00.
Appuntamento Villabate, Alle ore 10:45 al bar Santa Rosalia.
Si farà un giro per alcune provinciali per poi andare a Bagheria a mangiare focacce e lo sfincione tipico Bagherese.
Meteo permettendo, si raccomanda puntualità e pieno di benzina.

POST TAGS:

Una mostra che si aprirà a Palermo (dove si inaugura una nuova sede dell’Istituto con gli indirizzi di design e grafica) queste alcune della attività del liceo Artistico di Bagheria intitolato a Renato Guttuso.

L’esposizione che si inaugura il 16 dicembre  si chiama I colori della natura, l’appuntamento è per le 11 all’Oratorio Santa Caterina, in piazzetta Monteleone,  al centro del quartiere l’Olivella.  All’incontro parteciperà anche il preside Alfredo Prado.

Incontri molteplici invece quelli organizzati per l’Openday, si comincia per martedì 18 dicembre e il 26 gennaio. Qui si potrà conoscere dal vivo, direttamente presso i locali del liceo, a Villa san Cataldo, in via Piersanti Mattarella, l’offerta formativa. Si continua a Palermo, mercoledì 11 gennaio e il primo febbraio 2017, in via della Ferrovia 54 presso la nuova sede dove si aggiunge anche l’Istituto professionale per i servizi commerciali.

locandina-open-day-2016-17

Nel settecentesco Palazzo Villarosa di Bagheria, domenica 25 settembre, l’alta moda e lo spettacolo si uniranno per dar vita a The Sicilian Eye On Fashion, kermesse della Voogue Model Management, ideata per portare sull’Isola le eccellenze del made in Italy, con stilisti di fama e talenti siciliani. A presentare lo show sarà uno dei volti storici del Bagaglino, l’attrice Nathalie Caldonazzo.

Nathalie Caldonazzo

Nathalie Caldonazzo

Con lei l’ex naufraga de L’Isola dei Famosi, Cristina Buccino, icona della donna mediterranea

cristina

Cristina Buccino

 

e la supermodella, showgirl e conduttrice televisiva croata Nina Moric. Inizio alle ore 21,00 ingresso con invito ritirabile dalle aziende partner.

Nina Moric

Nina Moric

Nell’ampio baglio interno della dimora, voluta da Don Placido Notarbartolo, duca di Villarosa, con il golfo di Palermo a fare da scenario, sedici modelle professioniste, selezionate dal presidente, della Voogue Model Management, Gianpaolo Guida e dal general manager,Antonio D’Amico indosseranno le collezioni di Anton Giulio Grande, talentuoso haute couturier, con uno stile sensual-chic, tanto amato dalle protagoniste dello star system; e dallo stilista campano Nino Lettieri che ha conquistato il pubblico di Altamoda Roma con i suoi elefanti ed una collezione sofisticata pensata per le principesse indiane. Il vincitore del PremioEye on Fashion, come miglior stilista regionale parteciperà ad uno stage nel suo atelier. Parteciperanno i siciliani Giusi Cusimano, Simone Perricone, Barbara La Lia, Maria Pia DiGaudio, Giusi Badalì, Adriana Vita Battaglia e Marta Romano.

Lo stilista Nino Lettieri

Lo stilista Nino Lettieri

I dettagli moda

Tra le griffe siciliane in passerella, la collezione “Allegorie” di Giusi Cusimano, di Castelbuono, ispirata alle statue in gesso del ‘700 dei maestri stuccatori Giuseppe e Giacomo Serpotta. Tratto netto ed essenziale, in mix&macht con le linee morbide e sinuose del Barocco, dove l’essenzialità del bianco si sposa con la ricchezza delle stampe. Sovrapposizioni e stratificazioni tipiche dell’arte dello stucco, rappresentata nella tridimensionalità del macramè e delle passamanerie, nell’utilizzo di monili in gesso profumati di oppio.

Presente anche l’eco-stilista Simone Perricone col marchio SpS e le sue sculture indossabili, degne di musei di arte contemporanea, realizzate con materiali riciclati come cartoni di uova, tastiere di pc, plastiche. Unisce l’amore per la moda al rispetto per l’ambiente. Di Villafranca Sicula, è reduce dall’International Fashion Week, organizzato dalla Camera nazionale dei giovani fashion designer di Reggio Calabria e dal Kasta Morrely Fashion Week di Bucarest in Romania.

Nata a Misilmeri, la stilista Barbara La Lia, dopo gli studi al Trimoda di Venezia ha perfezionato il suo stile Futurista. Anche la sobria eleganza della palermitana Maria Pia DiGaudio calcherà il palco di The Sicilian Eye On Fashion, per lei pizzi, merletti, abiti da sera e tute glamour. E, ancora, le spose di Giusi Badalì di Termini Imerese con uno stile elegante e basato essenzialmente sul gioco dei contrasti e l’abbinamento con la pelliccia. Si ispirano alle sensuali trasparenze di Marilyn Monroe le creazioni della palermitana Adriana Vita Battaglia macramè e stile romantico, mentre Marta Romano, formatasi all’Accademia Euromediterranea di Catania, punta su una capsule collection, dal nome Amaterasu, dalle linee orientali.

Cortometraggio d’animazione non significa soltanto cartoon per bambini. Anzi, spesso si tratta di produzioni d’autore indipendenti, tecnicamente parecchio più avanti di altre pellicole. E’ nei corti d’animazione che spesso un giovane regista colmo d’inventiva, si mette alla prova e sperimenta, trova nuovi spazi, elabora un linguaggio che corre sul filo tra artista e cineasta. Per tracciare i contorni attuali del cinema d’animazione e gettare un occhio concreto sulle più nuove sperimentazioni, è nato Animaphix – Festival internazionale del film d’animazione, rassegna che è al suo secondo compleanno, in programma dal 29 al 31 luglio, nella settecentesca Villa Aragona Cutò, a Bagheria (Palermo).
Pensato e costruito da Rosalba Colla, Animaphix vuole assumere un ruolo di propulsore di cultura in grado di creare un circuito alternativo per i film di produzioni indipendenti. Ma per sua concezione, Animaphix prende le distanze dal cartoon commerciale (Manga, Disney, Pixar) valorizzando il cinema d’animazione d’autore, sperimentale e di ricerca, insomma un cinema prevalentemente per adulti. “La Sicilia, se da un lato amplifica la sfida, dall’altro si pone come terreno fertile per la nascita del suo primo festival di cinema d’animazione, che già dall’edizione scorsa, ha risposto ai bisogni del territorio, ha inventato nuovi spazi ed è diventato un luogo di libero scambio tra chi fa cinema, chi lo promuove e chi lo diffonde. Vincere questa sfida significa sfatare luoghi comuni e aprire nuovi sentieri”, dice Rosalba Colla.
Animaphix comprenderà un concorso internazionale – sono arrivati tantissimi film di alta qualità da ogni parte del mondo: saranno selezionati da una giuria di esperti e dalla giuria degli spettatori che annoterà le sue preferenze su una scheda consegnata all’ingresso -, incontri e laboratori, tre Carte blanche e alcuni concerti che prevedono anche la sonorizzazione di corti animati d’autore. Tra gli esperti che a Bagheria terranno le loro masterclass, il più atteso è di certo il giovane Rino Stefano Tagliafierro che è riuscito, con incredibile leggerezza, ad animare le maggiori opere della storia dell’arte mondiale. Con la particolare tecnica del cut-out è riuscito a portare avanti un progetto che ha avuto un enorme riscontro di critica e di pubblico, divenendo virale (“Beauty” in poco meno di due settimane ha raggiunto cinque milioni di visualizzazioni sui social). Ha inoltre creato un museo virtuale di opere d’arte animate (Moap) in cui lo spettatore può entrare nelle singole stanze tematiche (l’Erotic room, la Landscape room) e prendere contatto con l’opera d’arte in maniera diversa, cioè attraverso delle brevi clip animate. Il Moap verrà proposto su monitor che ospiteranno le singole sezioni/stanze tematiche.

short video da “BEAUTY” al link
https://www.wetransfer.com/downloads/7d420ce93279256a37cb86541fead07a20160721115412/666655b5c9e70456262f6cd75bf74d8320160721115412/d26a00e

Céline Devaux

Céline Devaux

E ancora, giungeranno a Bagheria la regista e illustratrice francese Céline Devaux, vincitrice del César 2016 per il migliore corto d’animazione per “Le Répas Dominical”, presentato in anteprima al Festival di Cannes; e Leonardo Carrano, artista e cineasta che ha creato uno stile unico nel suo genere, a partire dal suo capolavoro, “Aeterna”, lungometraggio d’animazione sperimentale che prende vita dalle sensazioni suscitate dall’ascolto del Requiem di Mozart, “opera straordinaria, unica, eccezionale, dove il Requiem è esaltato dalle invenzioni di immagini e appare un mondo più alto di no” ha commentato Ennio Morricone. Proprio Carrano condurrà un workshop di lavorazione su pellicola 35mm, in collaborazione con Nomadica – Circuito autonomo del cinema di ricerca. Previste anche una masterclass sul sound nell’animazione condotta dal sound-designer Andrea Martignoni: un focus sul videomapping condotto dal docente di animazioni digitali Luca Pulvirenti; un cine-concerto del violinista e compositore Francesco Incandela che ha musicato il corto d’animazione di propaganda sovietica “Soviet Toys”, 1924, diretto da Dziga Vertov. Un vero corto di propaganda, sulla scia di operazioni simili che si pongono come veri e propri manifesti politici, con parodie e caricature, utilizzate dalla classe dirigente come mezzo di comunicazione di massa. Chiudono la rassegna, una serie di corti fuori concorso degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Palermo; e una tavola rotonda durante la quale artisti e addetti ai lavori si confronteranno con il pubblico. Biglietti: 5 euro al giorno.
Animaphix Music. La sezione di musica dal vivo sarà rappresentata dai live di JuJu, Good Falafel e da La Rappresentante di Lista accompagnata da una performance di live painting di Petra Trombini. Durante le proiezioni, i più piccoli saranno impegnati in letture animate e coinvolti in uno spazio giochi.

DOVE: Villa Aragona Cutò, via Consolare Pompea, Bagheria (Pa)
Masterclass e workshop sono ad ingresso libero (tranne quello di LEONARDO CARRANO sulla lavorazione su pellicola 35mm).
Proiezioni, serate e concerti: 5 euro (biglietto giornaliero). Durante le proiezioni è previsto un intrattenimento per i più piccoli con letture animate e spazio giochi.
IL PROGRAMMA

VILLA ARAGONA CUTO’ – 29 luglio

Ore 10 / 18 (sala A)
LEONARDO CARRANO Workshop di lavorazione su pellicola 35mm

Ore 18 (sala Lum)
CARTE BLANCHE: Rino Stefano Tagliafierro

Peep Show / It / 2016 / 8’
Optogram – Bloody Faces / It / 2016 / 3’56’’
M+A – My Super8 / It / 2011 / 4’50’’
M+A – Bam / It / 2012 / 3’58’’
Devilish, The Deed Karmachina / It / 2015 / 7’40’’

Ore 21 (giardino)
Beauty di Rino Stefano Tagliafierro / It/ 2014/ 10’

Ore 21,30 (giardino)
CONCORSO CORTOMETRAGGI

Ore 23 (atrio)
DOPO FESTIVAL: JuJu in concerto

VILLA ARAGONA CUTO’ – 30 luglio

Ore 10 / 18 (sala A)
LEONARDO CARRANO Workshop di lavorazione su pellicola 35mm

Ore 11 / 12,30 (sala Lum)
MASTER CLASS: Andrea Martignoni
Animazioni e paesaggi sonori

Ore 17 / 18 (sala Lum)
CARTE BLANCHE: Céline Devaux

Vie et mort de l’illustre Grigori Efimovitch Raspoutine / Fr / 2013 / 10’25
Gravitè – Flavien Berger / Fr / 2015 / 3’25’’
L’onde nue – Maison de la radio / Fr / 2013 / 2’
Mille murs pour l’abbaye De Fontevraud / Fr / 2011 / 1’24’’

Ore 18 (atrio)
TAVOLA ROTONDA
– Stati generali dell’animazione italiana 2016
– Presentazione della trilogia “Animation. A world history” di Giannalberto Bendazzi
– Presentazione dvd “Animazioni 4 – Cortometraggi italiani contemporanei”
a cura di Andrea Martignoni e Paola Bistrot. Produzione Vivacomix e Ottomani

Ore 21 (giardino)
“Le repas Dominical” di Céline Devaux / Fr / 2015 / 13’58

Ore 21.30 (giardino)
CONCORSO CORTOMETRAGGI

Ore 23 (atrio)
DOPO-FESTIVAL: Good Falafel in concerto

VILLA ARAGONA CUTO’ – 31 luglio

Ore 10 / 18 (sala A)
LEONARDO CARRANO Workshop di lavorazione su pellicola 35mm

Ore 16 / 17 (sala B)
FOCUS: LUCA PULVIRENTI
Video mapping – A Tradigital Timeline.

Ore 17 / 18 (sala B)
CORTOMETRAGGI FUORI CONCORSO
Proiezione di corti fuori concorso degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Palermo.

Ore 18 (sala Lum)
CARTA BLANCHE: Leonardo Carrano

“Aeterna” / It / 2013 / 58’

Ore 21 (giardino)
CINE – CONCERT LIVE
Sonorizzazione live di Francesco Incandela sul cortometraggio d’animazione di propaganda sovietica “Soviet Toys / Dziga Vertov” /1924 / 11’
A cura di Rosalba Colla

JAZZ FOR A MASSACRE
Leonardo Carrano e Giuseppe Spina/ It/2014/ 16’

Ore 21.30 (giardino)
CONCORSO CORTOMETRAGGI – A seguire la PREMIAZIONE

Ore 23 (atrio)
DOPO FESTIVAL
Concerto de La Rappresentante di Lista
live painting di Petra Trombini.

anima1

POST TAGS:

Ecco un’occasione per conoscere la riserva di Monte Catalfano con una passeggiata in notturna.

Trekking al calar della sera, nel fresco del tramonto e soprattutto con un punto di vista diverso sul paesaggio.

Ci si ritroverà giovdì 14 luglio alle 19:30 in via Francesco Perez, località Mongerbino, Bagheria ( ingresso del parco di Monte Catalfano, poco distante dalla pizzeria Mongerbino, tenete a mente questo riferimento).
INFO PERCORSO:
5 km circa.
dislivello: 350 m circa
difficoltà: medio-facile
tempo di percorrenza: 3-4 ore
INFO UTILI:
si consiglia l’uso di scarpe da trekking e pantalone lungo, per il resto abbigliamento adatto alla stagione in corso.
Il percorso si snoda prevalentemente su sentieri.
Visto che si tratta di un’escursione notturna si invitano i partecipanti a portare con se una torcia .
La cena è al sacco e sarà effettuata non appena raggiungeremo il rifugio forestestale.
DESCRIZIONE DEL PERCORSO:
dal cancello d’ingresso situato sulla litoranea di Mongerbino, SP23, si percorre inizialmente una strada asfaltata in lieve salita per poi immettersi in una mulattiera. Dopo qualche centinaio di metri il percorso continua in pianura lungo un sentiero costruito a fianco di un canale utilizzato anticamente per l’irrigazione. Guardando verso monte potremmo osservare un’ ampia area a semicerchio bordata dalle rupi di monte Catalfano, dove si trovano moltissimi endemismi. il sentiero continua con una mulattiera in salita che ci porterà davanti le grotte marine della “Vignazza”.
Arrivati in cima, nei pressi del rifugio forestale, faremo una sosta per poi proseguire lungo un sentiero che ci farà ammirare il panorama notturno del Golfo di Palermo , da quì torneremo indietro per raggiungere il punto di partenza attraverso una mulattiera in discesa.

Nel suo studio, a cui accedo accumulando tre minuti di ritardo, dopo vari attraversamenti che comprendono: mezza Milano, svariate strade, fermate metro e in ultimo una portineria – “ah certo, lo studio di Scianna” – , ci sono foto che metterebbero in soggezione chiunque, figuratevi una picciotta sicula in avanscoperta che fa un mestiere come il mio: ritraggono un Leonardo Sciascia sornione, uno sguardo che non si è sollevato da faldoni, o documenti, non è affaticato da letture o contrito, è uno sguardo complice e rilassato, “non ho mai sentito Sciascia dirmi ‘come sono venuto male in quella foto’, non si preoccupava di venir bene”, mi racconterà dopo poco Scianna. Da una cassetta con la scritta arance principessa, si affacciano, impilati, fogli e documenti. “È una cosa volontaria, questo rimando agli agrumi siciliani?” Chiedo. Lui, Ferdinando Scianna, ha firmato una delle mostre che più mi ha colpito “Quelli di Bagheria”.

“No no, mi serviva sta cassetta per fare ordine – mi dice – Devo averla sottratta a un fruttivendolo”.

Trabocco una certa frenetica e intenzionale diligenza in quest’intervista, a cui mi sono presentata in lieve ritardo, a cui Scianna Ferdinando, originario di Bagheria in provincia di Palermo, fotografo internazionale, si sottopone cortese, si mette comodo, prepara la pipa, la fuma, il suo sguardo azzurro è tranquillo.

Ma quando penso di cominciare e inserisco la mia faccia e la mia postura più professionale, accendo il registratore, Ferdinando Scianna che fa? Si intimidisce.

“Tutto mi intimidisce. L’ho detto innumerevoli volte. Intanto, essendo diventato vecchio anch’io, ti ritrovi, per tutte le vicende della vita e per i giochi di incastro del caso ad aver avuto fortuna, a sentirti chiamare maestro. Ma quando succede io mi giro sempre dall’altra parte, dubito che sia rivolto a me, diciamo che mi sento più un allievo professionista. Mi irritano, io mi sento un granello di sabbia in una storia lunghissima, è che tutti cerchiamo di imitare i maestri, cambiando qualcosina, mettendoci una musichina diversa sotto. È chiaro anche il contrario, che molti maestri m’intimidiscono”.

Ho notato che alla presentazione (del libro Autoritratto di un fotografo uscito per Bruno Mondadori, che si è tenuta a Bagheria il 13 dicembre 2011 N.d.A.) c’era sua madre, ha detto qualcosa, commentato?

Mia madre non ha commentato per niente, a dire la verità, a parte che è piuttosto sorda, possono averla interessata due cose: che il suo bambino fosse lì al centro dell’attenzione, e le cose di carattere personale, autobiografico. Il libro che ho scritto è dedicato a lei, il libro Quelli di Bagheria è dedicato a lei, è lei che mi ha più capito, apprezzato. Una cosa bella che mi ha detto mia madre, e mi riconosco, è che io dico sempre le cose come sono successe, non le trasformo, non le infioro, io non ho fantasia, come diceva Sciascia, metto insieme le cose.

Nel libro si parla di più di suo padre, il conflitto con lui sembra fondamentale nella decisione di andarsene.

Sì, lo scontro era con mio padre, forse esisteva anche con le madri, ma le madri mediavano, erano vittime della storia quanto noi figli. Certo che la mia non fosse contenta, e avrebbe voluto che rimanessi, come tutte le madri, era chiaro, ma credo che il mio trasferimento sia stato un sollievo per tutti, soprattutto per mio padre, perché lui subiva il conflitto, che non era solo il conflitto tra noi due: a lui arrivavano i conflitti tra me e la società, il paese, lui pure era un vittima del contesto, era chiuso nelle sue logiche, aveva un suo sistema di difese, di valori, era un uomo molto pauroso, inquieto, lo avevano forgiato varie catastrofi, che riguardavano le vicende familiari

Veniva da una storia romanzesca. Il mio bisnonno Giacinto, intelligentissimo, che portava i baffi, favoriti (io ho fotografato la sua foto d’epoca, pensi che dopo i lavori in casa la volevano buttare, io per fortuna l’avevo fotografata), da famiglia miserabile, venne raccomandato da un prete a un ricco signore di Bagheria (non abbiamo mai capito chi diavolo fosse) che lo adottò e lo fece studiare a Palermo. Questo a quanto pare era abbastanza fuori dall’ordinario, e quindi si laureò ed esercitò le due professioni di medico e avvocato, però si era inserito in un contesto politico che era quello borbonico e quando arrivò Garibaldi fu la sua rovina, tant’è che fu costretto a tornare a fare il vignaiuolo a Bagheria. Anche mio nonno faceva il vignaiuolo, mi ricordo le botti… Poi ci fu il disastro del batterio, e le vigne furono distrutte in tutta Europa.

Ci fu una catastrofe economica, politica, agricola, che terminò solo quando piantarono la vite americana. Mio nonno era socio di una piccola banca agricola e fallì pure quella. I debiti che si accumularono da queste condizioni sfavorevoli arrivarono a mio padre. Che non aveva alcun talento scolastico, a quattordici anni andò a lavorare come commesso. Io sono figlio di un limoneto, un piccolo appezzamento dove crescevano gli agrumi, così ho potuto studiare, grazie ai nostri limoni. Mio padre aveva progetti ben diversi su di me. Lui aveva molta paura, aspettava sempre un’altra catastrofe. Aveva questa frase terrificante, tu potevi dirgli qualsiasi cosa tipo “Shakespeare ha scritto Re Lear” a cui rispondeva puntualmente: “ma tanto anche lui deve morire”. Una visione nichilista come poche ne ho viste. I suoi sforzi erano dedicati a creare sistemi di sicurezza. Poco prima di morire mi disse: “ma in fondo tu hai fatto la tua vita, tua sorella si è sposata. Non ho problemi, eppure sogno spesso che mi manca il pane”. Lui si sposò dopo la morte di sua madre, che morì presto, nonostante fosse infinitamente più giovane del padre (che si era sposato a 50 anni) e c’era quest’altra cosa terrificante, psicoanaliticamente devastante: lui era il terzo figlio avuto da mia nonna, e i primi due erano morti e nonostante lui si chiamasse Baldassare tutti lo chiamavano Gigi, proprio come il primo bambino deceduto, quindi portava il nome di un morto. Si sposò per autodifesa, i figli erano per lui fonte di inquietudine. Quando venne fuori che io a scuola me la cavavo lui si sollevò moltissimo, “non avrà il destino che ho avuto io”, pensò, ma durò poco, perché poi ho voluto fare il fotografo, altra catastrofe… Il conflitto cominciò soprattutto con la politica, lui era un conservatore. Io non sono mai stato comunista, questo volevo metterlo nel mio biglietto da visita. Sono stato socialista estremista, tra i fondatori del PSI a Bagheria.

Quanto c’entra la creatività nella fotografia?

Sulle fotografie l’idea di creatività porta di solito a delle qualsiasità… (dice proprio così e conia un nuovo termine) Sciascia diceva: “ci sono gli scrittori di cose e gli scrittori di parole, io sono uno scrittore di cose”. Ecco, il mio latticello (dice proprio latticello, è probabilmente fa un riferimento a quel che resta attorno a un agglomerato di idee, come il coagulo del latte, dopo averne estratto il burro e la panna) viene da lì, dalla letteratura. Mi interessa quello che devo dire, non la forma, poi uno, la forma, se la trova.

La foto è legata a questo strumento della modernità, la macchina fotografia, e contiene un’ansia che è propria del documento, negarlo è tagliargli le palle, guardare una foto come un quadro è un errore: allora fai quadri. I quadri esistevano prima della fotografia, e continueranno ad esistere anche dopo la morte della fotografia. Si può disegnare a memoria, ma non fotografare a memoria. La foto di una mela non ha lo stesso statuto del disegno di una mela. Noi portiamo appresso una foto del fidanzato, non un disegno del fidanzato. Perché è una traccia, e questo è decisivo.

A me della fotografia non è mai importato niente, per me la fotografia è stata, primo, uno strumento di fuga, secondo: uno strumento per dire le cose.

Fossi stato più bravo avrei scritto, ora scrivo perché cammino poco. Quello che conta è avere delle cose da dire, poi uno lo strumento se lo trova. Poi, una volta che hai scelto lo strumento, hai il dovere di usarlo bene.

Doveri? Quali sono i doveri di un fotografo?

Sui doveri io sono diventato con la vecchiaia sempre più perplesso. L’unico dovere dell’essere umano è essere il meno infelice possibile. Non dico felice, il meno infelice possibile. E siccome fra le posizioni meno infelici c’è quella di una dimensione di carattere etico, direi: dovere di non mentire, prevaricare, essere dalla parte di chi subisce. Ti fanno campare meno peggio con te stesso.

Qualche tempo fa su Facebook, circolava la foto di un fotoreporter che aveva ritratto una strage al mercato, c’erano commenti tipo: come mai si è messo a fotografare in un momento simile?

Dopo 45 anni di fotografia ho scritto un libro su etica e fotografia, non essendoci più né etica né fotografia. Un chirurgo al pronto soccorso se ti arriva uno che rischia di morire, mica si mette a dire povero ragazzo giovane, vedi cosa gli è successo, quello muore. Lo stesso per un fotografo. Se le fa con quella compassione, non scatta delle buone foto.

Non tutte le foto si possono fare. Non tutte quelle che si scattano si possono mostrare. Dipende dal contesto.

All’inizio, quando cominciarono a circolare le le notizie, della guerra in Jugoslavia, la stampa mostrò la foto di un soldato che reggeva una testa mozzata. Allora succede questo: in questo momento, mentre accade, è giusto, cazzo, sta succedendo qua dietro, dietro la porta, con questo tipo di ferocia, domani non sarà giusto, ma morboso, lo stesso motivo per cui ci si ferma a guardare quando c’è un incidente.

La foto denuncia a volte aiuta a creare un alibi collettivo. Succede in certe situazioni, per esempio quando vedi queste campagne di raccolta fondi, che usano la foto di un bambino del terzo mondo con la lacrima e mandi un sms con due euro per lavarti la coscienza.

Non sarebbe stato male, se un italiano avesse parlato della colonizzazione della Libia, nessun regista italiano ha girato un film degli italiani in Libia, abbiamo combinato le stesse cose degli altri, ho conosciuto un uomo a Racalmuto, era stato un colonnello in Etiopia ed è uscito pazzo, aveva ucciso un sacco di persone col lanciafiamme, nell’attentato a Diaz.

Penso che la coscienza sia un fatto storico, anche quello. Storicamente e anche geneticamente, tu lo sai quello che è giusto e quello che non è giusto. Il famoso discorso di Eichmann, che si giustifica: io ricevevo degli ordini, passavo le carte (nel processo di Norimberga, il funzionario tedesco Otto Adolf Eichmann continuò a ripetere: io eseguivo solo degli ordini) ma insomma, era quello che decideva come ammazzare le persone. C’è sempre la tua responsabilità. Sempre ne paghi un prezzo. Pensi invece che uno come Primo Levi considerò una colpa il suo essere sopravvissuto ai campi di concentramento, se lo portò fino al suicidio, “perché io?, ho fatto qualcosa di indegno? E gli altri, che hanno fatto per meritare di morire?”.

bagheria_foto_ferdinando_scianna

bagheria_foto_ferdinando_scianna

Cosa vale la pena fotografare?

Sempre un’infinità, tutto. Sentimenti di bellezza, di indignazione, o semplicemente il racconto, la partecipazione. Non è che si fotografa o si scrive sempre e comunque quello di cui si dovrebbe scrivere, tu scrivi anche quello che una società ti porta a scrivere o fotografare. Nella fotografia noi viviamo in un momento storico particolare, della comunicazione globale, di massa, nella quale la sovrapposizione fra l’immagine e la cosa è fortissima, anzi pende dalla parte dell’immagine.

Io cito la frase di McLuhan di 40 anni fa, della mamma che riceve un complimento sul suo piccolo, “ma che bel bambino”, e lei risponde: “non l’ha visto in fotografia”, cioè il bambino è bello in quanto può produrre un’immagine. Noi viviamo in questo contesto, insito in tutti i linguaggi, che sono sempre ambigui, in quello dell’immagine in particolare. Si può mentire meglio con una foto. Se pubblichi due righe con una foto, che è una specie di prova, gli dai il prestigio del documento, Solo che la foto può essere mistificata, può non essere la verità. Oggi alla gente non interessa più com’è il mondo, la fotografia è nata come esigenza, come ponte fra noi e la realtà, in un certo senso la sua morte nasce da un eccesso di successo. Le immagini sono un’onda, un oceano. Persino una cosa fondamentale della foto come un album di famiglia se arriva su Facebook non è più privata. Allora lì è fondamentale che tu costruisca il romanzo della tua famiglia come vorresti che fosse, non com’è. La gente vuole la storia di quello che vorrebbe essere, non di quello che è.

L’evoluzione della fotografia del matrimonio: un rito al quale, la gente, continua comunque a credere. Però è diventato la costruzione di un immaginario, di una novella. Anche il più povero si veste in un certo modo, quella che consegna al documento fotografico è una condizione socio culturale che non è la sua.

Non ci sono fenomeni italiani molto specifici, ma quello della fotografia del matrimonio ci si avvicina, vai a sposarti con l’auto in affitto, di solito la Rolls Royce che è un mito, in quel momento diventi uno che viaggia in Rolls Royce, e la sposa è sempre vestita come una principessa.

Io la conosco nel 2003, per la proiezione a piazza Matrice, di Quelli di Bagheria, vedo la mostra, e mi rivedo, anche se non sono di Bagheria.

Per me quel libro è di un’estrema importanza, le dico perché l’ho fatto. Sciascia aveva fatto Occhio di capra, un lavoro per recuperare i modi di dire di Racalmuto, e diceva “ciascuno di noi lo dovrebbe fare per il proprio paese”. Una presa di istantanee coscienziali, o se vuole, una presa di coscienza collettiva. Ci sono modi di dire che riguardano tutti i siciliani e modi di dire che riguardano la biografia del paese, pensava questa cosa qui, io non potevo riproporre quello che aveva fatto lui, ma potevo farlo con la fotografia. Era anche una maniera di presentare quello che io dico da anni sulla fotografia, mostrare in un libro che per me la fotografia è racconto, visto attraverso il prisma del tuo essere. Con la fotografia non puoi fare un discorso fantastico ma documentario. Ho cominciato a lavorare con l’ambizione di riuscire a raccontare i fatti miei, la mia adolescenza, la mia infanzia, sperando che funzionasse come un racconto collettivo. E questo ha funzionato. A Lugano una persona mi ha detto: mi ha fatto piangere, mi ha ricordato la mia infanzia, tutti diventiamo di Bagheria, come tutti diventiamo di Macondo quando leggiamo Cent’anni di solitudine. Il film nasce da quello, è un autoritratto che racconta me in funzione di quello che ho combinato come fotografo. Ho fatto un libro, ma un libro ha un certo tipo di destinazione sociologica. Una mostra è un rito anche di carattere mondano, che implica una sua architettura, uno spazio che attraversi. Io volevo fare incontrare quelli di Bagheria con quelli di Bagheria, il sistema era il film, che è molto più imperativo, perché non ti dà il tempo di lettura, con il ricatto della musica, un contributo emotivo, c’è il pathos della parola, è quello ha funzionato da Dio, c’erano tremila persone molti dei quali erano commossissimi, succedeva che persone della mia età si rivedevano che saltavano mentre avevano il nipotino in braccio. L’unico progetto a carattere di megalomania che ho fatto.

Ma secondo lei perché si fa una cosa del genere?

Si fa una cosa del genere, perché quando sono andato con Tornatore a Tunisi, abbiamo fatto un libro di dialogo fra me e lui (Baaria Bagheria. Dialogo sulla memoria, il cinema, la fotografia. Contrasto ed. N.d.A.) il mio libro precede di sette anni il suo film ma in un certo senso la missione era la stessa. Gli ho chiesto come mai così presto? “Non me lo dire” mi ha risposto, “lo avrei voluto girare tra dieci anni, ma sono contento di averlo fatto, mi c’è voluta un’energia tale, che dopo mi sarebbero mancate le forze”.

“Come mai così presto” anagraficamente?

Sì, perché penso che sia una di quelle cose che uno fa a un certo punto della sua vita, per tirare un po’ le fila.

Non tira soltanto le fila sulla sua vita, ma capisce, attraverso questo processo, a cosa era destinato il suo mestiere.

Io per raccontarmi ho creato una forma di letteratura nuova, in cui foto e testo creano un nuovo linguaggio, una trappola narrativa per cui tu non puoi vedere le foto prescindendo da quello che leggi, ma intanto non puoi più leggere senza essere suggestionato dalla foto. Lì il problema non era fare un libro con le migliori cinquanta foto su Bagheria. Un po’ come quando uno scrive, non è che analizza frase per frase.

Sì, insisto, ma perché si fa veramente a livello umano? È come rientrare nell’anima del proprio paese natale, restituire un pezzetto di vita, un’istantanea – ai protagonisti – di quello che sono stati. Cosa implica, anche a livello di manipolazione, in senso buono, delle emozioni?

Ci ho lavorato due anni. In ogni caso ogni tipo di gesto costruttivo, non dico creativo, implica una riflessione sui modi, un problema di lingua. Ho messo come esergo, ricordare è lo stesso di immaginare. Secondo gli studi di molti neuroscienziati, è nelle stesse zone del cervello che si muovono i meccanismi di memorie, ritrovamenti e immaginazione. La memoria è ritrovamento, ma non di qualcosa che è lì, qualcosa che ricostruisci. Quando ricordi ricostruisci, e nel farlo crei una fiction vera, è tanto più è vera, più funziona, questa è la forza della letteratura.

Uno lo fa, questa la risposta alla sua domanda, perché ogni gesto di carattere narrativo come finalità abbia questa motivazione: raccontare il mondo. Ma non si può farlo, raccontare il mondo, senza raccontare se stessi. Anche quando ho fotografato in luoghi lontanissimi dalla Sicilia, tu non vedi altro che l’immaginario che ti sei creato da ragazzino. Poi lì la materia è proprio quella. Fotografi o scrivi proprio per questo motivo. Ogni volta che guardi un pezzettino di mondo ritrovi un’eco di quello che ha contribuito alla creazione di te stesso. Farlo direttamente con quella materia lì, la storia della mia Bagheria, è molto più difficile, ma molto più emozionante. C’è il rischio di parlare solo dei fatti tuoi o il rischio di fare diventare un romanzo i fatti tuoi, renderli una specie di finzione. Personalmente, da quando sono costretto alla scrittura. – e quando dico che sono costretto alla scrittura, in fondo lo desideravo, non mi dispiaceva provarci, tutto quello che scrivo è sostanzialmente autobiografico, – succede lo stesso, anche quando l’oggetto del tuo narrare non è direttamente autobiografico.