Sunday, December 16, 2018
Home / #cosedafare  / Domenica 2 dicembre, trekking nella Valle dell’Imera settentrionale

Domenica 2 dicembre, trekking nella Valle dell’Imera settentrionale

A piedi per strade sterrate e sentieri fino sulla cima di Monte Riparato. Il punto più alto del rilievo è indicato con il toponimo "Pizzo Sant’Angelo"

Webp.net-resizeimage (15)

Due i punti e i panorami che scoprirete, Monte Riparato e Caltavuturo. Il Monte Riparato, m 606, è un rilievo di colore rosso-marrone che si eleva sulla riva sinistra del fiume Imera settentrionale. A una attenta indagine si scopre che è costituito da argille, sabbie, conglomerati e calcareniti del Miocene, depositatisi tra il Serravalliano ed il Messiniano (circa 13,6 – 7,2 Ma). Si tratta di una successione di rocce sedimentarie clastiche derivanti dall’erosione dell’appennino siculo in via di sollevamento ed emersione (orogenesi). I geologi hanno chiamato questa successione “Formazione di Cozzo Terravecchia”. Sulla cima del Monte Riparato è stato scoperto un abitato indigeno che ebbe massimo sviluppo in età ellenistica e romana. Nei pressi è stata ritrovata anche una Phiale d’oro, pregevole coppa votiva datata tra la fine del IV e l’inizio del III sec. a.C.. Sul Cozzo Terravecchia, che si trova adiacente al paese di Caltavuturo (Pa), si conservano le rovine di un insediamento bizantino ed i ruderi del coevo Castello di Terravecchia. In mezzo tra il Cozzo Terravecchia e il paese di Caltavuturo c’è il quartiere Mannari, in passato abitato prevalentemente da pastori. Qui è possibile osservare i recinti per le greggi, ormai non più in uso, addossati alle case di abitazione. La Rocca di Sciara (1080 m) sovrasta Caltavuturo ed è costituita da ricce più antiche: calcari mesozoici pelagici (200 – 24 Ma).

Programma
Raduno alle 7.45 a piazzale John Lennon ex Giotto e partenza alle 8.00. Appuntamenti diversi, da concordare con la guida, per chi non abita a Palermo. Autostrada Palermo Catania, uscita a Scillato e proseguimento per le falde di Monte Riparato. A piedi per strade sterrate e sentieri fino sulla cima di Monte Riparato. Il punto più alto del rilievo è indicato con il toponimo “Pizzo Sant’Angelo”, ritorno alle auto con un percorso ad anello. Al termine dell’escursione ci si sposta a Caltavuturo (venti minuti di auto) per una breve passeggiata nell’antico quartiere della Terravecchia fino ai ruderi del Castello. Rientro a Palermo previsto per le ore 19,00 circa.

Scheda tecnica
Dislivello: m 450 circa;
Lunghezza del percorso: km 9 circa;
Natura del percorso: sterrate;
Tempo di cammino: 4 ore;
Difficoltà: facile (uno-due omini).

Equipaggiamento
Scarponcini da montagna, zaino con indumenti adatti alla stagione (eventuale vento, pioggia e freddo), scorta d’acqua e colazione al sacco. Consigliate le ghette per probabile fango lungo il percorso.

Contributo spese di trasporto a persona (calcolato con 4 passeggeri): € 6;
Quota di partecipazione: € 8;

Informazioni e comunicazioni e adesioni: Luigia Di Gennaro 328665565.

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.