Monday, October 22, 2018
Home / #cosedafare  / Ottobrando: weekend di turismo enogastronomico a Floresta

Ottobrando: weekend di turismo enogastronomico a Floresta

Il patrimonio enogastronomico locale è, infatti, punta di diamante non solo nell’ambito regionale, e primeggia per la varietà, qualità e tradizione. Con quest’edizione si mette in scena la grande sfida del cibo!

vasola

Stand, cibo, degustazioni, convegni e artisti di strada, tutto nutrimento per la mente e per l’anima, ecco che il territorioc i incanta con i suoi prodotti.

Una serie di sagre, una per ogni week end, concentrate in un solo mese. I finesettimana all’insegna del gusto.

Se volete mangiare e bere bene, Floresta vale una visita.

Si comincia il 7 ottobre  con la XII Sagra dei “Vasola a Crucchittu”, si procede il13 e 14 otobre con la XV Sagra del Suino Nero dei Nebrodi, si continua il 21 ottobre con la XVI Sagra dei Funghi, si conclude il 27 e 28 ottobre con  XXXVIII Sagra della Provola.

provola

Nel centro storico cittadino sarà allestito un percorso espositivo con prodotti agricoli, prodotti tipici, artigianato, manufatti artistici, enogastronomia, dolciumi ed altre categorie merceologiche, angolo giochi per bambini, mercatino del collezionismo e delle curiosità. Nel corso degli ultimi decenni il fenomeno degli eventi enogastronomici ha visto un rapido sviluppo riconducibile a tutta una serie di fattori socio-demografici ed economici. L’intensificarsi della domanda ha fortemente contribuito alla nascita e alla veloce crescita di un vero e proprio management del settore che vede negli eventi un grande potenziale per il richiamo turistico, la promozione del territorio e input al suo sviluppo. Ottobrando per la sua tipologia possiede molteplici punti vantaggiosi per il territorio (rappresentando una carta vincente per il comprensorio, non ancora sfruttata appieno), diventa “ambasciatore” di saperi e sapori del comprensorio di Floresta.

Il patrimonio enogastronomico locale è, infatti, punta di diamante non solo nell’ambito regionale, e primeggia per la varietà, qualità e tradizione. Con quest’edizione si mette in scena la grande sfida del cibo! L’organizzazione, ed in primis l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonino Cappadona, punta su un nuovo approccio incentrato sul cibo, memore del rinnovato interesse verso i prodotti e la cucina locale – un interesse comprovato dall’aumento della domanda di turismo enogastronomico e dal proliferarsi di show e programmi televisivi che fanno della cucina protagonista indiscussa – e guarda a spalmare gli effetti di “Ottobrando” su tutto l’anno. Il sindaco Cappadona, infatti, ha evidenziato come “il cibo può esser considerato vero e proprio ambasciatore della cultura materiale di un luogo e, grazie al contenuto simbolico, artistico-manuale e alla ritualità e storia che esprime, può svolgere un ruolo significativo nella trasmissione della cultura del territorio e nella sua valorizzazione”. In tale senso sono allo studi altre manifestazioni come, per esempio, quella “Casale: l’Arte nel Piatto”, databile tutto l’anno.

Comments

comments

POST TAGS:
Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.