Saturday, August 18, 2018
Home / #cosedafare  / Cartoline da Ballarò: la pittura urbana per fare (ancora più) bella Palermo

Cartoline da Ballarò: la pittura urbana per fare (ancora più) bella Palermo

Mercoledì 1 agosto a Ballarò, saranno inaugurate le cinque pitture urbane che nei giorni scorsi sono state realizzate nel quartiere Ballarò/Albergheria di Palermo, attraverso un itinerario gratuito esplicativo, a cura della cooperativa Terradamare e degustazione

invito - cartoline da ballarò (1)

La forza di un murale. Riassume uno stato d’animo, riqualifica, colora, dona e rafforza l’identità. Il murale è una pittura immediata, pensata insieme all’ambiente. Dialoga con gli intonaci, racconta di sé, si fonda col quartiere. Non a caso, il Comunicato che annuncia l’inaugurazione delle pitture urbane, prevista mercoledì primo agosto, in fondo recita ” Si ringraziano i condomini residenti degli stabili coinvolti per aver accolto il progetto. Si ringraziano inoltre tutti coloro che con entusiasmo hanno supportato gli artisti in questi caldi giorni di lavoro”.

Ma cosa è accaduto a Ballarò?  Il progetto Cartoline da Ballarò è nato da un’idea di Igor Scalisi Palminteri e Andrea Buglisi, ha visto coinvolti 5 artisti della scena pittorica palermitana: Alessandro Bazan, Andrea Buglisi, Angelo Crazyone, Fulvio di Piazza e Igor Scalisi Palminteri che hanno affrontato altrettanti grandi muri dislocati nel quartiere storico di Ballarò/Albergheria.

Mercoledì 1 agosto a Ballarò, saranno inaugurate le cinque pitture urbane che nei giorni scorsi sono state realizzate nel quartiere Ballarò/Albergheria di Palermo, attraverso un itinerario gratuito esplicativo, a cura della cooperativa Terradamare e degustazione finale.

Il progetto è un atto di trasformazione possibile, immediata, gioiosa. Un mercato dove la vita brulica, con la frutta, i pesci vivi sul ghiaccio, dove le emozioni si condensano, rimbalzano, con forza, a volte prepotente.

Opera di Bazan

Opera di Bazan

Appuntamento alle 18:00 in Vicolo Gallo (in fondo a Via Mongitore) sotto al ritratto di Franco Franchi opera di CRAZYoNE, per poi proseguire alla scoperta degli altri murales e dell’affascinante quartiere di Ballarò/Albergheria. L’itinerario si concluderà nello spiazzale dell’ex Arena Tukory (Corso Tukory 205) dove si trova il muro dipinto da Alessandro Bazan e dove si potranno gustare alcune specialità palermitane di cibo di strada, a sostegno del lavoro dei venditori ambulanti della zona.
Saranno presenti tutti gli artisti, che racconteranno agli intervenuti il lavoro che li ha impegnati contemporaneamente nella settimana tra  il 21 e il 27 luglio e le loro opere murali.
Evento facebook: www.facebook.com/events/492431327850753

 

Il progetto si pone come obiettivo la riqualificazione urbana attraverso l’arte, motivo per il quale si sono scelte delle piazze che presentano segni di degrado nonostante le loro grandi potenzialità estetiche e storico/culturali. Gli artisti si sono avvalsi della collaborazione di alcuni cittadini residenti del quartiere che hanno fatto da collante e da supporto in tutte le fasi dell’iter realizzativo. I lavori sono stati svolti dal 21 al 27 luglio 2018.

Il progetto si inserisce in un clima storico di rinascita culturale della città di Palermo già nominata capitale della cultura italiana e città ospitante la Biennale internazionale di Arte contemporanea MANIFESTA 12.

Il progetto è sostenuto da ELENK’ART da sempre promotrice di eventi artistici innovativi.

Le vernici sono state donate da Tommaso Piazza colori. Il regista Salvo Cuccia sta lavorando a un documentario insieme ad Antonio Bellia, che racconterà l’intera operazione.

 

 

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.