Sunday, June 17, 2018
Home / #cosedafare  / San Vito Lo Capo: il 23 maggio torna il festival degli aquiloni

San Vito Lo Capo: il 23 maggio torna il festival degli aquiloni

Un cielo coloratissimo, sopra una delle spiagge più belle della Sicilia.

festival-aquiloni
Chi l’ha detto che per giocare con gli aquiloni bisogna essere ragazzi? Cosa c’è di più emozionate di trattenere il vento con le mani? Immaginate una spiaggia bellissima, illuminata dai colori degli aquiloni, dal 23 al 27 maggio 2018 tutto questo sarà possibile a San Vito Lo Capo, in provincia di Trapani. famosa per il gelato caldo freddo, per il cous cous, per il mare, per le buganvillee. Ecco che qui, ormai da dieci anni si danno appuntamento aquiloni che hanno solcato i cieli di mezzo mondo. Ed è un vero spettacolo per gli occhi vederli stagliati contro il sole.
Ma anche in mancanza di luce, si vola: nel programma infatti ci sono gli aquiloni pirotecnici che, fluttuando nel cielo notturno, daranno vita a un gioco di luci simile a quello creato dai fuochi d’artificio. E ancora, gara di aquiloni acrobatici che si muovono a ritmo di musica. Una vera e propria danza, come di uno storno in cielo.
Info da “Sicilia in Festa”
San Vito Lo Capo
Sulla costa nord occidentale della Sicilia, distesa e racchiusa nella baia compresa tra le riserve naturali dello Zingaro ad Ovest e di Monte Cofano ad Est, sorge San Vito Lo Capo – Città del Cous Cous, piatto della pace e simbolo di integrazione tra popoli e culture differenti. Distante da Trapani circa 39 chilometri (100 da Palermo), a 6 metri sul livello del mare, San Vito Lo Capo comprende le frazioni di Macari e Castelluzzo.

Borgo di tradizione marinara, si è sviluppato intorno all’antica fortezza saracena, successivamente trasformata in santuario dedicato a San Vito. Oggi l’attività principale è il turismo: il suo clima, la spiaggia, il mare, le viuzze ornate di fiori, il pesce fresco, i profumi intensi e i suoi panorami offrono al turista l’occasione per una vacanza indimenticabile.

Di particolare interesse sono: il Torrazzo, il Santuario e il tempietto di Santa Crescenza, tutti in stile arabo-normanno. Tra San Vito Lo Capo e Castellammare del Golfo i declivi collinari che degradano fino al mare, in una miriade di piccole baie, annunciano l’inizio della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro.

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.