Saturday, October 21, 2017
Home / #cosedafare  / Noto: si inaugura Gea #cantiepreghiere, opere di Lauretta Barcaroli

Noto: si inaugura Gea #cantiepreghiere, opere di Lauretta Barcaroli

Bassi Palazzo Ducezio, venerdi 15 settembre alle ore 19.00. Presentazione critica di Michele Romano.

Palazzo Ducezio

Le sagome polimateriche dell’artista Lauretta Barcaroli rievocano metope del contemporaneo, quel senso della narrazione visiva che nella pura astrazione rielabora il valore della ri/costruzione materica della forma.
Sono chiari i richiami agli artisti polimaterici del ‘900, ma la Barcaroli reinterpreta nel suo Work in progress il principio laboratoriale dell’artista e della tecnica, che traduce la materia in narrazione altra e alta. Nei suoi pannelli di tela e cromia, l’artista supera la pura emozione della materia e invita l’osservatore a rileggere il fare artistico come un lavoro in itinere che richiama ataviche narrazioni del nostro patrimonio iconografico.
L’apparente astrazione nella sua produzione artistica induce a rivedere la fase dell’Arte Materica come un inizio fondante, con la predominanza di “materiali naturali o tele incollate o attaccate al supporto”, ma le sue iniziali Derive, nella loro ancestrale circolarità, ci conducono a delle sinestesie indirette, matericità che si dissolvono nella diafana visione di velari che trasmutano la fisicità dell’essere nella intima essenzialità dell’introspezione umana.
I pannelli o fregi narrativi della Barcaroli si narrano come frammenti di un passato recente, cortei astratti di metamorfosi antropomorfe, quasi mesopotamiche ed elleniche. L’artista trasforma la materia, da aulico lapislazzulo a tecniche miste, dal marmo pentelico a colle astratte, forse è il vero principio pluridisciplinare della sua contemporaneità.
Osservare con attenta riflessione il suo fare, frantumare e poi ricostruire è il principio narrativo di ogni artista che di picassiana memoria traduce l’idea in ogni diversa forma e materia, quasi senza tempo e spazio,che rinasce come un’araba fenice e un senso etico della vita e del suo narrare per sensi, tattilità e visioni immaginifiche.
I lavori su carta della Barcaroli sono segni, tracce e orditi di una materia che rivela trame di vita, di vissuti apparenti, un senso del contemporaneo che attraverso la materia e la téchne, dal greco τέχνη, arte nel senso di perizia, saper fare e saper operare, si risveglia nella poliedrica e prolifera azione della nostra artista, una linea di narrazione epica dove il senso del creare, manipolare e agire è il segno tangibile e visivo, ma soprattutto il fil rouge di una visione micro e macro dell’universo umano.

testo di Michele Romano
Accademia di Belle Arti di Catania

Apertura mostra e Aperitivo con l’Artista, venerdi 15 settembre alle ore 19.00. Presentazione critica di Michele Romano, con il contributo musicale dell’arpista Antonella Furian.
A cura di Studio Barnum contemporary.

Bassi Palazzo Ducezio – NOTO
Dal 15 settembre al 01 ottobre 2017 – h 10/13 e 16/20 – ingresso libero.
Con il Patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Noto.

www.comune.noto.sr.it
www.studiobarnum.it
www.laurettabarcaroli.com

Autunno Artistico netino

locandina LAURETTA BARCAROLI sett 2017 web

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.