Saturday, November 25, 2017
Home / #cosedafare  / Vivere l’esperienza del Mandrarossa Vineyard Tour 2017

Vivere l’esperienza del Mandrarossa Vineyard Tour 2017

Cosa significa lavorare con il vino? Immaginare come riuscirà, come il sole e il vento hanno influito nella sua vita? Quanto arriverà al nostro palato, di tutto questo lavorare, svegliarsi presto, smuovere sassi, guidare trattori?

galleri1

L’ingresso è zero, avete capito bene, non si paga (si pagano le degustazioni, naturalmente), ma visitare questi luoghi con rispetto, no, eppure l’esperienza ti arricchisce. Sarà per il bicchiere che si acquista all’inizio e si porta con sé, custodito gelosamente nel suo morbido borsello? Oppure è perché tutto invita alla calma, dall’organizzazione, a partire dall’inizio, dal Welcome Point del Mandrarossa Vineyard Tour, che si trova nel Wine shop di Cantine Settesoli? Persino il momento della degustazione non cede il passo alla ressa. Tutto è lieve e gentile, come il vino che canta sommesso, mentre viene versato nei calici.  A fare da padrone, a rapire e dirti “resta qui, su” è il paesaggio, questa Menfi dai vigneti a perdita d’occhio, le spiagge bianche e questo cielo che non lascia scampo.

prima_mandra

La prima cosa, appena arrivati, è registrarsi. E non è difficile. La segnaletica funziona.

one_mandra

La sera, dopo l’incontro con il buon cibo, si continua con la buona musica. Suonano Ai Fil Gud. Che farebbero ballare anche da seduti, con il bicchiere in mano.

 

Il vero regalo, in cui Mandrarossa mette in mostra il proprio lavoro e ne condivide gioia e impegno, è il momento della vendemmia Nel calore di fine agosto (il week end è ricaduto il 26 e il 27 agosto), fra i filari, ognuno può costruirsi la propria cassettina e cogghiri l’uva. Un gesto senza tempo, che avviene per mano dell’uomo, insostituibile, che non passa di moda, che non è un selfie, un video, è la storia del nettare degli Dei, è Bacco, che confluisce in una bottiglia.

Dopo la presentazione dell’azienda, si assaggia un cabernet che è una piccola poesia dedicata a questa terra, che offre acini scuri e succosi (chi vuole può portare a casa un po’ di grappoli raccolti).

Cosa significa lavorare con il vino? Immaginare come riuscirà, come il sole e il vento hanno influito nella sua vita? Quanto arriverà al nostro palato, di tutto questo lavorare, svegliarsi presto, smuovere sassi, guidare trattori?

Fare il vino è assumersi i rischi di un’annata, ma anche levare un calice al cielo con orgoglio e sentirsi ripagati.

seconda_mandra

Lasciamo casa Mandrarossa con questo tramonto sul mare di Menfi, si conclude così l’edizione 2017 di un week end che ha visto il vino e la bellezza protagonisti assoluti.
Alla prossima estate. Grazie a tutti, per la splendida accoglienza e il piacere autentico di condividere l’esperienza di una vita. #vineyard2017 #Mandrarossa #Menfiph. Credits Valentina Vegna

menfi

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.