Thursday, June 29, 2017
Home / Senza categoria  / Palermo: un parallelepipedo da cui ascoltare il suono dell’universo

Palermo: un parallelepipedo da cui ascoltare il suono dell’universo

Venerdì 28 aprile dalle 19,30. Expansion of the universe: la musica dell' universo secondo la NASA. Mostra fotografica e concerto

universe_cover
Un parallelepipedo sonoro di 3 metri per lato e un’altezza di 3,70 m. dentro cui sono installati 216 altoparlanti: una grande istallazione chiusa, un nido sonoro in cui ascoltare la musica dell’Universo. Ci si ritroverà immersi nelle note a 360°, prendendo come base le informazioni scientifiche elaborata dalla NASA sulla formazione delle galassie e il continuo sviluppo evolutivo dell’universo, trasposte in musica grazie ad un innovativo linguaggio sonoro. Tutto questo è Expansion of the Universe (AUS), l’istallazione che aprirà domani sera (venerdì 28 aprile) alle 19,30 alla Sala Perriera dei Cantieri Culturali alla Zisa (via Paolo Gili 4, a Palermo) il festival di CURVA MINORE, che quest’anno festeggia il ventesimo compleanno.
L’istallazione è opera del compositore austriaco Rudolf Wakolbinger che tenta così di rappresentare musicalmente l’evoluzione dell’Universo, accompagnandola con la proiezione di materiali video messi a disposizione dal Massachusetts Institute of Technology (MIT), che nel 2014 ha elaborato il progetto Illustris: la simulazione al computer dell’evoluzione di circa 50.000 galassie. Illustris copre un lasso temporale di 0,9 miliardi di anni dal Big Bang fino all’era contemporanea. Ispirato a Illustris, Expansion of the Universe utilizza le informazioni assunte dalla tecnologia astrofisica per rendere acusticamente la storia dell’Universo. Il pezzo dura 13,8 minuti corrispondenti ai 13,8 miliardi di anni dal Big Bang ai giorni nostri.
Expansion of the Universe accompagnerà, per un mese (fino al 27 maggio), l’intero programma del festival di musica contemporanea: sarà infatti visitabile ogni giorno dalle 10 alle 23 (biglietto: 3 euro).
Sarà anche inaugurata la mostra fotografica “Pictures at more exibitions”: gli scatti di Mauro D’Agati, Roberto Masotti, Sergio Gambino, Davide Carrozza, Ross La Ciura, Alessandro D’Amico, Lorenzo Gatto, si uniscono ai disegnatori di suoni Paolo Di Vita, Gianni Gebbia, Lillo Nantista, Ernesto Sanfelice, Vittorio Villa. Esposizione di manifesti e materiali di comunicazione.
universe
Sempre domani, ma alle 21 ai Cantieri, il grande virtuoso violoncellista olandese Ernst Reijseger si unirà alla Sicilian Improvisers Orchestra per il concerto “Expansion of the Universe” che inaugura il festival. Un’interazione acustica e performativa con l’istallazione e sulle musiche di Wakolbinger che si basano sul magnetismo e sul movimento della materia nell’universo in espansione. Si può considerare come un incontro tra universi, quello fisico materico e quello immateriale a partire dalla materia sonica. Ernst Reiseger ha inoltre voluto dedicare a Curva minore due nuove composizioni che saranno eseguite per la prima volta in Sicilia dalla Sicilian Improvisers Orchestra, il più importante ensemble siciliano di rilievo internazionale attivo sulla scena delle musiche di confine. Il festival continuerà poi sabato alle 21 con l’incontro sonoro tra due grandi musicisti del nostro tempo: il virtuoso violoncellista di Amsterdam Ernst Reijseger e il grande sassofonista siciliano Gianni Gebbia. Prima due sessioni singole, poi un gioco improvvisativo a due, violoncello e sax. Domenica 30 aprile alle 21, invece sempre il violoncellista olandese si confronterà per la prima volta, con Alessandro Librio, virtuoso violinista, violista e compositore. Biglietto: 8/5 euro.
Degustazione di vini offerta da Lorenzo Piccione di Pianogrillo tra cui il “Curva minore” della Cantina Pianogrillo di Chiaramonte Gulfi (Rg)

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.