Thursday, August 24, 2017
Home / #cosedafare  / Sabato 18 febbraio 2017; conquistare la Rocca Busambra invernale (m 1613, Monti Sicani)

Sabato 18 febbraio 2017; conquistare la Rocca Busambra invernale (m 1613, Monti Sicani)

Un'occasione per gli amanti del trekking e della montagna, Rocca Busambra invernale, ecco il percorso integrale della cresta

ficuzza_rocca_busambra_N

A detta di molti è la più bella escursione a carattere alpino della Sicilia occidentale. Il rilievo è piuttosto isolato, una lunga e complessa cresta orientata est-ovest, altissima sulle molli ondulazioni circostanti, pareti verticali a nord, ripidissimi versanti a sud. Stavolta, a differenza del solito, percorriamo la cresta per intero, da est ad ovest, la prima parte, da località Alpe Cucco alla cima, è relativamente semplice e dotata di sentiero; la seconda parte è in parte priva di sentieri ed il tratto immediatamente dopo la cima è molto ripido. Gradevole solo ad escursionisti esperti. La Rocca Busambra è l’unica montagna della Sicilia occidentale che supera l’isoipsa 1600 (le Madonie le consideriamo Sicilia centrale…), è meta imprescindibile per gli escursionisti siciliani, soprattutto per la forma spettacolare del rilievo, le alte pareti di roccia ed il vastissimo panorama. Le pareti esposte a nord, di roccia calcarea giurassica, hanno uno sviluppo di circa cinque chilometri e sono alte a luoghi 400 metri su un querceto misto, il Bosco della Ficuzza, che cresce su alte colline arenaceo-argillose.
L’origine tettonica del rilievo è attribuita ad una famiglia di faglie inverse che isolano e sollevano un pacco di strati sedimentari mesozoici in un contesto geodinamico compressivo. Le spinte deformative, che hanno movimentato le faglie, hanno avuto contemporaneamente carattere trascorrente (le parti separate dalle faglie scorrono relativamente l’una accanto all’altra in senso opposto) e compressivo (le spinte tendono a portare le parti a scontrarsi). Un contesto geodinamico come questo, che è chiamato dai geologi “transpressivo” (trascorrente e compressivo insieme). Determina strutture tettoniche complesse e un paesaggio particolarmente articolato e suggestivo.

Programma

Partenza da Palermo alle ore 7,45 con automezzi propri, da Piazza John Lennon (ex Giotto), per la statale Palermo-Agrigento (SS 121) sino allo svincolo per Bolognetta. Proseguimento con la SS 118 per Ficuzza (dove si lascia un mezzo) e Alpe Cucco. A piedi per la “Scala Ciurinu”, il Piano della Tramontana, cresta e vetta e pranzo al sacco. Discesa proseguendo verso ovest su cresta priva di sentiero a tratti molto ripida e rocciosa, fino a raggiungere la Ciacca di Bifarera. Discesa a Ficuzza su sentiero per la Valle San Giorgio e Fonte Ramusa. Rientro a Palermo previsto per le ore 19,00 circa.

Scheda Tecnica:
Dislivello: m 680 in salita, m 930 in discesa;
Lunghezza del percorso circa km 11.
Tempo di cammino 6 ore.
Natura del percorso: sterrata, sentiero, tracce di sentiero.
Difficoltà: impegnativa, tre omini. Si sconsiglia la partecipazioni a persone con insufficiente allenamento o equipaggiamento.
Equipaggiamento: Scarponi alti alla caviglia, ghette, indumenti caldi invenali per vento, freddo ed eventuale pioggia.

Quota di partecipazione €8;
Contributo carburante per chi usufruisce di passaggio auto €4, da versare al conducente del mezzo.

Prenotazione indispensabile, per informazioni telefonare alla guida: Giuseppe 3403380245;

Documenti in rete:

http://www.artemisianet.it/busambra.htm
http://murieta70.blogspot.it/2011/10/rocca-busambra-bosco-della-ficuzza-

Artemisia, società cooperativa a r.l. per il turismo sostenibile e l’educazione ambientale. Via Serradifalco, 119 90145 Palermo. Tel 3403380245; Email: artemisianet@gmail.com Sito: www.artemisianet.it

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.