Sunday, December 17, 2017
Home / 2017

Sabato 16 alle 22.30 secondo live di Satourday, la rassegna di musica indipendente dell’OpenSpace Theater di Agrigento, spazio culturale diretto dall’attrice, danzaterapeuta e creativa Ilaria Bordenca. Varie le collaborazioni sperimentate dall’organizzazione: da quella con la giornalista Irene Milisenda, che presenterà la serata, alla media partnership con KeepOn Live, il circuito dei live club italiani. Dopo il concerto spazio al dj set, questa volta con Michele Sodano. La novità di questo secondo appuntamento sarà lo showcase della band, che alle 20.00 sarà protagonista di un mini-set acustico presso lo studio Alba/Vis di Carlotta Marchetta. Inoltre presto si inizierà con le esposizioni artistiche presso l’OpenSpace.

Ecco le altre date del programma di dicembre: 21 Blindur, 23 The Trip Takers, 26 Avanscoperta Russa, 30 Slavi-Bravissime persone.

Copy of SUGO-STATUA-bis

Il loro disco d’esordio “Lorenzo Federici” (Libellula) è uscito a dicembre 2014 ed i giovani torinesi Eugenio In Via Di Gioia, già vincitori del premio della critica al Premio Buscaglione 2013, stanno facendo parlare moltissimo di sé. Il primo videoclip “Argh!” presentato in anteprima sul sito de La Stampa e uno showcase nella redazione del quotidiano, le due pagine di intervista su Rockerilla, l’approfondimento su Il Manifesto, fino ad arrivare agli showcase live a Music Club su Radio 1 e a MiniSonica su Radio Popolare Network, alla partecipazione alla compilation “Sotto il Cielo di Fred” in compagnia di Brunori Sas, Dente, Perturbazione e molti altri e all’invito a partecipare come ospiti al Premio Leo Ferrè a giugno 2015. A luglio 2015 inoltre tre loro canzoni si collocano al primo, secondo e terzo posto come brani più ascoltati a Torino su Spotify ed esce il loro nuovo video “Non Ancora”, selezionato da MTV New Generation e presentato in anteprima su Vevo.
A settembre 2016 la band decide di lanciare il nuovo singolo “Pam” non con un videoclip, bensì con un videogame, intitolato “Pam-Man”, disponibile per dispositivi Ios e Android. Si tratta di una prima assoluta per il nostro Paese, che viene ripresa da Ansa nazionale, Wired e da molti contenitori specializzati. Il 24 febbraio 2017 esce “Giovani Illuminati”, primo singolo estratto dal loro secondo album, accompagnato dal primo videoclip musicale in hyperlapse realizzato in Italia. Il brano entra stabilmente a far parte della classifica “Viral Top 50 Italia” di Spotify, mentre il video in poche settimane supera le 120.000 visualizzazioni e viene ripreso da La Stampa, Coming Soon e molti altri contenitori. Il 14 aprile 2017 esce il secondo album “Tutti su per terra” (Libellula/Audioglobe), anticipato da un’anteprima esclusiva su Radio 1 Music Club e su Spotify. Nella settimana della sua uscita, il disco raggiunge la posizione numero 86 delle classifiche ufficiali italiane di vendita FIMI/Nielsen, mentre il secondo singolo “Chiodo fisso” in poche settimane supera i 500.000 ascolti su Spotify. Dopo un tour estivo di 25 date nei festival italiani che ne ha decretato un successo sempre più ampio, gli Eugenio In Via Di Gioia sono attualmente in tour nei club. È sul palco infatti che la giovane band torinese è travolgente e dà il meglio di sè, dimostrazione evidente il primo posto come rivelazione live 2014-2015 nella classifica KeepOn, il loro pubblico che continua a crescere ed il tour d’esordio che si è prolungato per due anni con oltre 100 date in tutta la Penisola e molti sold out. Ad aprile 2016 la band intraprende inoltre il proprio primo tour europeo, frutto della vittoria del Premio KeepOn dell’anno precedente, che tocca Francia, Belgio, Olanda e Germania. Un disco ed un live che partono dalla strada – gli Eugenio In Via Di Gioia nascono come buskers – e dalla tradizione delle balere, dello swing e del folk italiano fino ad arrivare al nu-folk inglese di questi ultimi anni, reinterpretato la tradizione e rivestendola di un realismo che legge con amara allegria i nostri tempi. Chiunque li abbia visti dal vivo almeno una volta ne è rimasto colpito, provare per credere.

Appuntamento, quindi, a sabato 16 dicembre, alle 22.30 all’OpenSpace Theater, in via Empedocle 159 ad Agrigento.

Domenica 17 dicembre alle 10 l’artista da 85 mila follower su Facebook, porterà in piazza Politeama i bambini del reparto di oncoematologia dell’ospedale Civico, che accompagnati dai loro genitori sfileranno intorno all’albero ornato con gli addobbi creati dagli stessi piccoli.

 stefano

L’idea parte da un post su Facebook dello stesso Piazza, a seguito delle polemiche sviluppate dagli “haters” intorno all’albero di Natale. Da qui l’invito ai cittadini di Palermo di portare un dono ai bambini, che hanno saputo dare un valore simbolico a un semplice albero di Natale.

«Daremo loro un dono – dice Piazza – ma soprattutto li ringrazieremo per averci dato questi addobbi, ma soprattutto l’opportunità di riflettere su qualcosa di veramente importante».

L’invito del comico è quello di richiamare tutti coloro che sentono di avere uno spirito sensibile nei confronti di questi bambini e del Natale. L’obiettivo è quello di regalare a loro una giornata indimenticabile, quindi l’invito è esteso a tutti i cittadini, gli artisti, gli operatori volontari, le associazioni affinché si possa dimostrare come Palermo sia meglio di ciò che a volte possa sembrare. «Palermo – continua Stefano Piazza – città magica, trasformerà l’albero più discusso in un albero che ci lascerà senza parole».

I regali raccolti saranno consegnati ai bambini del Civico presenti, ma anche consegnati in reparto a quelli ricoverati.

Sarà inaugurato alle 10.30 di mercoledì 13 dicembre l’Ambulatorio di Counselling Onco-Genetico del Centro di Riferimento Regionale per la Prevenzione, la Diagnosi e la Cura dei Tumori Rari ed Eredo-Familiari dell’adulto. Una realtà che ha sede all’UO di Oncologia Medica dell’AOUP “Paolo Giaccone” del Policlinico di Palermo, in via del Vespro, dove a fare da padrona è l’umanizzazione delle cure, da offrire al paziente in un ambiente pieno di colore, capace di rendono meno traumatizzante l’attesa.

A rendere possibile ciò gli arredi donati dall’’Organizzazione Umanitaria Internazionale “Life and Life”, in particolare dalla sezione “ LaL Rosa” – ossia di pazienti oncologiche – attraverso una campagna di raccolta fondi e di sensibilizzazione alimentare per la prevenzione dei tumori. Una realtà, quella che si inaugurerà mercoledì prossimo, visitata lo scorso ottobre dal Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in occasione del suo tour nelle strutture sanitarie durante il quale ha plaudito quanto fatto nello specifico proprio dalla “LIFE AND LIFE”. All’incontro con il ministro Lorenzin erano presenti il prof. Antonio Russo, primario del reparto di Oncologia, insieme alla sua equipe, il presidente e la vicepresidente dell’’Organizzazione Umanitaria Internazionale Life and Life, il prof. Arif Hossain e Valentina Cicirello.

L’evento di mercoledì prossimo servirà, quindi, a ribadire l’importanza di interventi del genere, efficaci nella prevenzione e nel counselling nelle malattie tumorali solo nel caso di una reale sinergia tra tutti gli attori.

Alla cerimonia parteciperanno il prof. Arif Hossain, Presidente LIFE and LIFE – Onlus; il Prof. Antonio Russo, Direttore della UOC di Oncologia Medica – AOU Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo;  il Dott. Fabrizio De Nicola, Commissario Straordinario del Policlinico; la dott.ssa Valentina Calò, genetista e referente dell’ambulatorio.

 

Agrigento ha risposto. Oltre ogni immaginazione, nel week end del 9 e 10 dicembre, la città si è lasciata coinvolgere dal fermento culturale del Kaos Festival. Un impegno in salita, una pedalata in tandem per arrivare in cima, condivisa da Alfredo Prado e Peppe Zambito. Il primo direttore dell’Accademia di Belle Arti Michelangelo, che ha aperto i suoi locali e ospitato l’impresa, l’altro il direttore artistico. Entrambi soddisfatti e piacevolmente sorpresi. “Una bella scommessa, siamo convinti che con la cultura si possa creare lavoro e interesse – spiega Peppe Zambito – il festival non organizza solo una fiera editoriale per certi versi spettacolare, ma prova la nostra tesi: il territorio si deve saper raccontare, per questo noi portiamo parole, libri, per noi significa migliorare un tessuto urbano, dargli strumenti per spiegare le proprie eccellenze, per comunicarle al meglio”.

premiokaos2

 

Cos’è stato Kaos Festival 

Corridoi trasformati in sale espositive, tavoli coperti da libri, sale occupate da presentazioni e proiezioni. Letture e degustazioni di dolci e vino locale. Cosa ne pensa il direttore dell’Accademia Alfredo Prado di quest’invasione?

“Noi in Accademia facciamo questo – dice Alfredo Prado – cultura, arte, Kaos Festival è un impegno che fa parte del nostro dna, io mi auguro di vedere sempre più ragazzi e ragazze a queste manifestazioni. Questa istituzione scolastica nasce per questo, lasciare il testimone, affidarlo ai nostri studenti, prepararli ad affrontare il futuro con un punto di vista nuovo, che sia creativo, che sappia cogliere la bellezza come opportunità a cominciare da qui, dalla loro città”.

Molti i nomi che si sono avvicendati sul palco del festival, arrivati da più parti della Sicilia e d’Italia per un appuntamento che, edizione dopo edizione, grazie a un manipoli di operatori e appassionati – che da anni animano, organizzano, immaginano, trascinano curiosi, spettatori, lettori – si attesta come un’avventura imperdibile, una specie di stato dell’arte del comparto editoriale isolano.

Molti i premi assegnati: Premio “Rita Atria”: ad Angelo Sicilia per I pupi antimafia e all’Associazione culturale Gammazita di Catania. Premio speciale Kaos 150° Pirandello a Felice Cavallaro, Gaetano Aronica, Francesco Bellomo, Gianfranco Jannuzzo, Enzo Alessi e a Antonella Morreale. Premio “Salvatore Coppola” a Ezio Noto. Premio “Identità siciliana” a Nicolò D’Alessandro, Giacomo Pilati e Andrea Bartoli. Il premio gesti e parole di legalità è andato a Giacomo Cacciatore e al Comune di Joppolo Giancaxio. Il Premio “Alessio Passalacqua” alla poetessa Giuseppina Mira.

Il Kaos, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana, infatti ha la caratteristica di essere conviviale, ovvero, pur coinvolgendo personalità vira su un intrattenimento leggero, come scriveva Italo Calvino, planando dall’alto su questioni serie, a tratti commoventi, sempre attuali “per noi la cultura deve e può divertire” sottolinea Zambito. Ne è prova la vittoria di Alessandro Savona, primo classificato per il premio narrativa, che con Ci sono io, parla di affido e nuove famiglie. La giuria, presieduta dal giornalista e scrittore Michele Gambino, è composta da Enza Pecorelli, Giuseppe Mallia, Patrizia Iacono e Stella Vella.

La seconda giornata si è aperta con un interessante dibattito sulle facce dell’editoria che ha visto la partecipazione, fra gli altri, di Egidio Terrana, Jim Tatano, Arturo Cantella, Francesco Pira e Antonio Liotta.

Due i pomeriggi dedicato a donne e letteratura, intitolati: Scrittura sostantivo femminile.

Altri premi sono stati assegnati dalla giuria popolare che ha votato in diretta attraverso un sms.

Ad aggiudicarsi il premio di poesia Cetta Brancato, mentre a Maria Concetta de Marco è stato conferito il primo premio sui racconti.

Kaos è possibile anche grazie al contributo organizzativo di Angela Indelicato e di un gruppo di appassionati sostenitori fra cui Giuseppe Di Nolfo e Giuseppe Dimora.

Da sottolineare le letture dal vivo di Annagrazia Montalbano, le incursioni musicali di Piera Lo Leggio, del Trio Mediterraneo (Paolo e Rosa Alongi e Luce Palumbo e di Sara Chianetta e Juan Pablo Orrego.

 

Le pagine social dell’evento:

Instagram: Kaos Festival

Twitter: @kaos_festival

Facebook: https://www.facebook.com/kaosnews/

Info e dettagli su Fattitaliani.it al link http://www.fattitaliani.it/search/label/Kaos

L’Accademia di belle arti Michelangelo di Agrigento si prepara ad accogliere l’edizione 2017 del Kaos festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana, una miscellanea di arte, spettacolo, letteratura e musica. Il programma completo è stato reso pubblico.

Ricordiamo che il Kaos festival mantiene un’anima itinerante: la formula è semplice, la manifestazione si organizza ogni anno in un luogo diverso (Siculiana, Montallegro, Alessandria della Rocca, Racalmuto), questo per instaurare legami con il territorio e le amministrazioni e rivelare la potenza della cultura come strumento di promozione.

Per il nuovo allestimento la kermesse diretta da Peppe Zambito, ha scelto l’Accademia di belle Arti Michelangelo diretta da Alfredo Prado, nella nuova sede di via Bac Bac 7.

“Quest’anno, più che mai, mettiamo in scena la contaminazione – ha spiegato il direttore artistico –. Non solo editoria e presentazioni di libri, ma uomini e donne che si confrontano su più temi come la legalità e la creatività, in un contesto nuovo che si apre al pubblico: un’Accademia Per dimostrare che la cultura non è ingessata ma include e diverte. Vogliamo che la contaminazione non resti teoria, ma si possa vivere. Non mancheranno appuntamenti con il teatro e con la musica – prosegue Peppe Zambito – il territorio si racconterà attraverso eccellenze da degustare. Non ci spaventa la novità, il nostro è un Kaos conviviale. Perché ci piacciono le belle storie, ma sappiamo bene che il lieto fine è una conquista che ci riguarda tutti. Un lavoro di squadra”.

“Siamo felici di ospitare il Kaos Festival. L’Accademia ha già organizzato altre manifestazioni. D’altronde è la nostra cifra: noi creiamo, questo luogo nasce per questo. Per stimolare l’arte in ogni forma, l’incontro fra persone diverse – spiega Alfredo Prado –- crediamo da sempre nella gentilezza, nella meraviglia, nella collaborazione, negli eventi che coinvolgano questa città, e si rivelino segnali di apertura e di bellezza”.

Oltre a letture, conversazioni, mostre, anche per l’edizione 2017 non mancherà la musica con le esibizioni di Sara Chianetta e Juan Pablo Orrego, e del Trio Mediterraneo (Paolo e Rosa Alongi e Luce Palumbo).

Ricordiamo infine la rosa dei riconoscimenti assegnati a personalità isolane – che verranno consegnati durante il Kaos, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana – è stata stilata in base a criteri evidenziati nelle attribuzioni, come per i premi “Identità siciliana” conferiti a: Andrea Bartoli, ideatore della Farm Cultural Park di Favara; Giacomo Pilati, scrittore e organizzatore di eventi culturale e a Nicolò D’Alessandro, memoria artistica e storica dell’Isola.

Vanno a Gaetano Aronica, Francesco Bellomo, Gianfranco Jannuzzo, tre agrigentini che con costanza promuovono il teatro Pirandelliano in tutta Italia con il Berretto a sonagli – e a Felice Cavallaro, giornalista e ideatore della Strada degli scrittori; Enzo Alessi e Antonella Morreale, che si sono distinti per l’impegno culturale e soprattutto con una costante attività teatrale – i premi speciali conferiti da Kaos in occasione del 150° della nascita del drammaturgo Luigi Pirandello

Mentre il Comune di Joppolo Giancaxio, promotore della marcia e della giornata della legalità; e Giacomo Cacciatore, autore di Uno sbirro non lo salva nessuno (Dario Flaccovio editore) si aggiudicano il premio “Gesti e parole di legalita”.

Il Premio “Rita Atria” andrà a: Angelo Sicilia (autore e ideatore dei Pupi antimafia) e all’Associazione Gammazita, per l’utilizzo della creatività in azioni di recupero e rivisitazione della tradizione come strumento di riscatto sociale.

Va alla poetessa Giuseppina Mira il premio speciale Kaos “Alessio Passalacqua.

Ezio Noto, musicista e scrittore, per il libro Mio padre non conosce la mia musica (ed. Medinova) conquista il premio “Salvatore Coppola”, istituito in ricordo dell’editore trapanese.

I premi della giuria popolare invece andranno conferiti durante la manifestazione, con una votazione partecipata.

Le pagine social dell’evento:

Instagram: Kaos Festival

Twitter: @kaos_festival

Facebook: https://www.facebook.com/kaosnews/

Seguite il live su Fattitaliani.it al link http://www.fattitaliani.it/search/label/Kaos schede finalisti e interviste

 

Kaos, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana

Accademia BB AA “Michelangelo” Agrigento – Programma edizione 2017
 Sabato 9 dicembre

10,30 – Apertura Fiera del libro e spazi espositivi

 

11,00 – Spazio Fiera  – Autori nel Kaos

– Con Enzo FioreDove le rondini volano tutto l’anno, Federico Li CalziTutto uguale a prima (Cerrito), Salvatore FucàGirgenti e la grande guerra (Medinova), Nunzio NastroIl dolce frutto dell’amore (Europa edizioni), Laura AmoreDue sorelle

 

11,00 – Spazio Biblioteca – Assegnazione premi speciali

Premio “Rita Atria”: Angelo SiciliaI pupi antimafia e Associazione culturale Gammazita di Catania.

Partecipano gli studenti dell’I.C. Esseneto di Agrigento

Consegnano i premi Ernesta Musca, Dirigente Scolastico e Raffaele Zarbo, Provveditore agli Studi di Agrigento

 

 16,30 – Spazio biblioteca  – Pirandello nel Kaos

 

–          Saluti del Direttore dell’Accademia di BB AA “Michelangelo” Alfredo Prado e del Sindaco di Agrigento Calogero Firetto

Assegnazioni premi speciali “Kaos 150° Pirandello”: a Felice Cavallaro, Gaetano Aronica, Francesco Bellomo e Gianfranco Jannuzzo

Marta legge Pirandello – L’attrice Marta Bifano legge brani tratti dall’opera – Come tu mi vuoi

17,30 –  Spazio Fiera – Scrittura, sostantivo femminile

Con: Giusi Carreca e Anna Maria Tedesco – Cartoline colorate (Medinova), Margherita BiondoVeronica che guardava cadere la pioggia (Medinova), Luisa Trenta MussoLa tabellina zoppa (Medinova)

 

Performance teatrale di Mariuccia Trupia e Elisa Cilona monologhi da Cartoline colorate

18,00 – Salone biblioteca  – Assegnazioni premi speciali Kaos
Premio “Salvatore Coppola” a Ezio Noto autore di Mio padre non conosce la mia musica (Medinova)

Premio “Identità siciliana” a Nicolò D’Alessandro e Giacomo Pilati

Premio “Gesti e parole di legalità” a Giacomo Cacciatore autore di Uno sbirro non lo salva nessuno (Dario Flaccovio)

19,00 – Spazio biblioteca  – Concorso Letterario Kaos Narrativa

Incontro con il Presidente di giuria Michele Gambino

Conversazione con gli autori finalisti: Ignazio Bascone  con La spiaggia insanguinata (Libridine), Pancrazia Buzzuro  con Il funerale del Gran Coglione (Armando Siciliano), Alberto Bellavia Adriana Iacono Lia Lo Bue  con La bellezza dell’acqua, (Leima), Angelo Andrea Cellura con Ho perso le chiavi le casa ( Medinova), Alessandro Savona con Ci sono io (Flaccovio)
Proclamazione opera vincitrice sezione narrativa edizione 2017

 

Incursioni musicali: Sara Chianetta e Juan Pablo Orrego

 

Domenica 10 dicembre

10,30 – Apertura Fiera del libro e spazi espositivi

11,00 – Spazio Fiera  – Le facce dell’editoria: comunicare oggi

Con: Antonio Liotta, editore Medinova – Rossana Danile, produttrice cinematografica – Francesco Pira, sociologo/scrittore – Arturo Cantella, direttore TVAEgido Terrana, direttore Malgrado Tutto Jim Tatano, giornalista/scrittore

Premio speciale Kaos 150° Pirandello a Enzo Alessi e a Antonella Morreale

 

16,30 –  Spazio Fiera  – Scrittura, sostantivo femminile

Con: Ester RizzoCamicie bianche (Navarra), Licia Cardillo Di PrimaIl rosolio alla cannella (Flaccovio), Alfonsa FarruggiaIl peso della felicità (Pragmata), Giusy PacinellaIl bosco e le tenebre (BookSprint), Antonella MaggioIl fantasma di Zabut (Estero editore), Betty Scaglione Cimó La casa nel cuore (Aulino), Angela Scandaliato – L’ultimo canto di Ester (Sellerio)

17,30 – Spazio biblioteca  –  Concorso letterario Kaos Poesia

Conversazione con gli autori finalisti: Cetta Brancato con Una lacrima di luna, Elisabetta Ternullo con Dietro un incanto, Michele Barbera con Amore nudo

Letture a cura di Annagrazia Montalbano

Proclamazione opera vincitrice sezione poesia edizione 2017

18,00 –  Spazio biblioteca  – Assegnazioni premi speciali Kaos

 

Premio “Alessio Passalacqua” alla poetessa Giuseppina Mira

Premio “Gesti e parole di legalità” al Comune di Joppolo Giancaxio

Premio “Identità Siciliana” ad Andrea Bartoli, ideatore Farm Cultural Park di Favara

18,30 – Spazio biblioteca – Concorso letterario Kaos Racconti

Incontro con i finalisti: Maria Concetta de Marco con Blanco, Giuseppe Graceffa con Il giusto compenso, Maria Carmela Miccichè con Il pezzetto d’America sotto il cuscino

Letture a cura di Annagrazia Montalbano

 

Proclamazione opera vincitrice sezione racconti edizione 2017
Incursioni musicali: Trio Mediterraneo (Paolo e Rosa Alongi e Luce Palumbo)

 

Conversazioni letterarie a cura di: Mariella Di Grigoli, Daniela Gambino, Giuseppe Mallia, Enza Pecorelli, Salvatore Picone, Francesco Pira, Stella Vella e Peppe Zambito

 

Giuria concorso letterario Kaos: Michele Gambino (Presidente), Patrizia Iacono, Giueppe Mallia, Enza Pecorelli, Stella Vella

Fiera del libro a cura di Anna Burgio:

Spazi espositivi a cura di Peppe Dinolfo

Responsabile giuria popolare: Patrizia Iacono

Interventi artistici a cura di: Piera Lo Leggio

Realizzazione grafica: Giuseppe Dimora

Percorsi artistici: Alfredo Prado

Comunicazione: Daniela Gambino e Giovanni Zambito

Installazione artistica: Farm Cultural Park di Favara

Responsabile organizzazione: Angela Indelicato

Premi realizzati dal Maestro Domenico Boscia Accademia BB AA di Agrigento

Direzione Artistica: Peppe Zambito

 

Mediapartner:

 

 

Si ringrazia il personale docente e lo staff dell’Accademia di BB AA Michelangelo di Agrigento e il direttore Alfredo Prado per la generosa ospitalità e la preziosa collaborazione.

 

 

 

Degustazione a cura di: Vini Cantina Morreale Agrigento – Di Stefano Dolciaria srl Raffadali

Manufatti dell’artigianato più ricercato come occasione per riscoprire i valori di una volta soprattutto in un periodo magico come il Natale. S’intitola “Ricordi (mneme)” la mostra antropologica sulle tradizioni della Sicilia che si inaugura alle 17 di domani, giovedì 7 dicembre, nell’Antica Dimora  di via Consolare 91, a Santa Flavia.

A promuoverla è l’associazione “Nofrio e Virticchio”– realtà che opera per la  valorizzazione dei beni etno-antropologici  – in collaborazione con la Pro Loco di Santa Flavia.

In esposizione, sino al tutto il periodo natalizio, i cavallini in legno e cartapesta del maestro Pietro Boscia, i carrettini siciliani del maestro Gregorio Sciortino e i “bambineddi” di ceradi Mimma Morana. Ma è solo l’inizio perché è in programma la presenza di altri artisti e artigiani siciliani, per  far vivere la magia delle feste anche attraverso il dono.

La mostra si potrà visitare tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19.

Street Food Fest e Terradamare presentano “Le Vie dei Gusti – Itinerari Culturali Street Food Fest”: passeggiate che esplorano la città di Palermo, le sue meraviglie, i suoi scorci e il suo cibo di strada. Durante l’intera manifestazione, sarà possibile aderire agli itinerari proposti, che prevedono l’esplorazione delle bellezze monumentali della città e le eccellenti prelibatezze di street food provenienti da tutte le parti del mondo. Nei percorsi sono incluse infatti anche le celebri degustazioni del Festival.
Per il prossimo week end, dall’8 al 10 dicembre, sono previsti tre itinerari alla scoperta del Genio di Palermo, la Cala, la chiesa di Santa Maria della Catena, fontana Pretoria, il Genio di piazza Rivoluzione, Palazzo Isnello, Palazzo Mirto, Piazza Bellini, Piazza Marina e Porta Felice.
Street Food Fest: dieci giorni da vivere tra appassionanti gare gastronomiche, degustazioni, cooking show, laboratori per grandi e piccini e ancora concerti di grandi artisti italiani e nuovi talenti, artisti di strada, talk show e momenti di approfondimento. Inebrianti sapori e danze colorate, armonia di profumi e sinfonia di suoni.
Infoline: 3298765958 – 3207672134 www.terradamare.org/infoline |  www.terradamare.org/leviedeigusti-streetfood
Gli Itinerari:  

Le vie del Genio di Palermo
venerdì 8 dicembre ore 21 – € 18
Alla scoperta della divinità barbuta che si trova in diversi punti della città.
Percorso: Piazza Rivoluzione, Palazzo Isnello, Piazzetta del Garraffo, Piazzetta delle dogane.
Quota individuale:  18 euro (comprende: ingressi ai monumenti, auricolari, guida turistica locale e operatori culturali, degustazione street food) 

Le-vie-del-Genio-di-Palermo- (1)

 

Palermo città d’acqua

sabato 9 dicembre ore 17 – € 16
Sarà il rapporto con l’acqua e la città a condurci ad un’esplorazione della Cala, l’antico porticciolo della città, alla splendida chiesa gotico catalana di Santa Maria della Catena e la vicina piazzetta del Garraffello, fino a giungere alla monumentale fontana pretoria, la scenografica “macchina d’acqua”.
Percorso: Cala, chiesa di Santa Maria della Catena, piazzetta Garraffello, fontana Pretoria.
Quota individuale: 16 euro (comprende: ingressi ai monumenti, auricolari, guida turistica locale e operatori culturali, degustazione street food)  

palermo-citta-dacqua-itinerario-street-food-fest (1)

L’antica passeggiata a mare
domenica 10 dicembre ore 10 – € 18
Conosceremo il tragitto che la nobiltà palermitana nell’ottocento percorreva abitualmente, sempre gremita tra ventagli parigini e carrozze istoriate d’oro e d’argento. Un tratto ricco di storia,  colmo di testimonianze del passato fastoso di Palermo.
Percorso: Palazzo Mirto, piazza Marina, porta Felice.
Quota individuale: 18 euro (comprende: ingressi ai monumenti, auricolari, guida turistica locale e operatori culturali, degustazione street food)  

itinerario-antica-passeggiata-a-mare-palermo-street-food-fest (1)

Il cellulare ed il navigatore, ma anche truccarsi e fumare in auto, sono tra le principali cause di incidente. È stato presentato da La Nuova Guida, la rete di autoscuole del gruppo Sermetra Holding, “Pirati della Distrazione”, un vademecum, sul tema della sicurezza stradale e della prevenzione degli incidenti, che analizza le sette maggiori cause di infortuni in auto ed elabora le sette buone pratiche per evitarli. Disponibile, Da Milano a Palermo, in versione cartacea e in pdf adatta ai più giovani per l’uso di fumetti e la grafica accattivante. Il primo dato che emerge è che il cellulare è il principale strumento per “issare la bandiera dei pirati” sulla propria vettura, ma non è il solo.

«La distrazione alla guida – sottolinea Luca Andreoli, A.D. de La Nuova Guida – è oggi la principale fonte occulta di incidentalità, un fattore che le statistiche difficilmente rivelano e che deve essere trattato alla stregua dell’alcol. A subirne l’ipnotica distrazione sono soprattutto i più giovani. Tra gli altri dispositivi c’è il navigatore, ma il pericolo in auto proviene anche dal cane che si muove o da compagni troppo rumorosi che possono compromettere la concentrazione alla guida. Anche il Ministero sta riservando attenzione a questo tema, inserendo nei nuovi Quiz per la patente una serie di quesiti legati proprio alla distrazione in auto».

 Smartphone

Sono sette le situazioni individuate che determinano distrazioni al volante: parlare al telefono mentre si guida; interagire con lo smartphone; fare bagordi come mangiare, truccarsi, fumare, ecc; l’uso del navigatore; passeggeri rumorosi; animali a bordo; e ancora lo smartphone per i pedoni. Sono sette anche le buone pratiche consigliate da “Pirati della Distrazione”, l’uso di un auricolare con volume basso, evitare telefonate stressanti e lunghe; per rispondere ad un messaggio accostare e farlo in tranquillità; aspettare la sosta ad un semaforo per cambiare cd o armeggiare con l’aria condizionata; studiare il percorso prima di mettersi in viaggio e  usare il navigatore in una posizione che non distolga lo sguardo dalla strada oppure affidarlo al passeggero; in auto e gli animali non devono essere liberi nell’abitacolo. Per i pedoni, infine, il suggerimento è di guardare bene quello che si fa e di non farsi distrarre dal display dello smartphone.

 

È cominciato il conto alla rovescia. Mancano pochi giorni per scatenare il Kaos, che riempirà Agrigento di libri, parole performance e musica il 9 e 10 dicembre 2017.

Quest’anno la carovana del Kaos, diretta da Peppe Zambito, approderà presso l’Accademia di belle Arti Michelangelo diretta da Alfredo Prado, nella nuova sede di via Bac Bac 7.

Dopo le consuete consultazioni – ricordiamo che il premio della giuria popolare verrà consegnato durante la manifestazione – la rosa dei riconoscimenti assegnati a personalità isolane, da consegnare durante il Kaos, festival dell’editoria, della legalità e dell’identità siciliana, è stata stilata.

Il Festival Kaos, per le sue caratteristiche, ha scelto i suoi candidati ideali in base a criteri evidenziati nelle attribuzioni, come per i premi “Identità siciliana” conferiti a: Andrea Bartoli, ideatore della Farm Cultural Park di Favara; Giacomo Pilati, scrittore e organizzatore di importanti eventi culturale e a Nicolò D’Alessandro, memoria artistica e storica dell’isola.

Dove il lavoro personale, la ricerca e sperimentazione dei vincitori è confluito fortemente nello sviluppo, nel contributo fattivo e nella promozione della bellezza del territorio.

I Premi speciali conferiti da Kaos in occasione del 150° della nascita del drammaturgo Luigi Pirandello vanno a: Gaetano Aronica, Francesco Bellomo, Gianfranco Jannuzzo, tre agrigentini che con costanza promuovono il teatro Pirandelliano in tutta Italia con il “Berretto a sonagli”; Felice Cavallaro, giornalista e ideatore della Strada degli scrittori; Enzo Alessi e Antonella Morreale, che si sono distinti per l’impegno culturale e soprattutto con una costante attività teatrale.

Il Premio “Gesti e parole di legalita” va al: Comune di Joppolo Giancaxio, promotore della marcia e della giornata della legalità; e allo scrittore Giacomo Cacciatore, autore di “Uno sbirro non lo salva nessuno” (Dario Flaccovio editore).

Il Premio “Rita Atria” andrà a: Angelo Sicilia (autore e ideatore dei Pupi antimafia) e all’Associazione Gammazita, per l’utilizzo della creatività in azioni di recupero e rivisitazione della tradizione come strumento di riscatto sociale.

Il Premio speciale Kaos “Alessio Passalacqua” va alla poetessa Giuseppina Mira, da sempre impegnata nella promozione culturale del territorio.

Mentre il Premio “Salvatore Coppola”, in ricordo dell’editore trapanese, va ad: Ezio Noto, musicista e scrittore, per il libro “Mio padre non conosce la mia musica” (ed. Medinova).

Le pagine social dell’evento:

Instagram: Kaos Festival

Twitter: @kaos_festival

Facebook: https://www.facebook.com/kaosnews/

Seguiteci su Fattitaliani.it al link http://www.fattitaliani.it/search/label/Kaos

Sabato 2 dicembre, alle ore 17.30, il Palazzo Ducale di Palma di Montechiaro farà da cornice all’esposizione di tele dipinte in vita dall’autore Lillo Leone, ma non finisce qui.
Sarà un pomeriggio di incontri, ricordi ed emozioni… da non perdere.


PROGRAMMA
SABATO 2.12.17
ore 17.30: Inaugurazione
Presenta e Modera: Dott.ssa Letizia Pace

PARLANO DI LUI GLI AMICI:
Ing. Stefano Castellino – Sindaco di Palma di Montechiaro
Prof. Nuccio Mula – Doc. Universitario e Critico internazionale di Arte
Peppe Brancato – Gov. Fraternita di Misericordia di Palma di M.
Prof. Carlo Sortino
Filippo Bellia – Giornalista

LEGGONO LE SUE POESIE:
Rosetta Scicolone – A tizia – Zanzara maledetta
Francesca Scarnà – Per un dì – Ballerina bianca – Poeta per amore
Lina Vizzini – Quasi preghiera – Capirsi senza parole
Letizia Pace – Bagaglio bucato – Amore bugiardo

DOMENICA 3.12.17
ore 16.00/19.00

Tutto questo sarà possibile grazie al patrocinio del Comune di Palma e alla collaborazione della Fraternita di Misericordia e dell’Associazione Visioni-Kairos.