Wednesday, August 23, 2017
Home / 2017

Il riassunto di questa proposta potrebbe essere “tramonti dai vulcani”, ma i punti forti di questo viaggio sono il più bel sentiero dell’arcipelago sull’isola di Panarea, l’atmosfera internazionale e un po’ fricchettona e lo spettacolo delle fontane di lava nel quieto buio notturno di Stromboli. Un viaggio di cammini lenti sul finire dell’estate. Meno turisti, meno barche, temperature gradevoli, mare e sentieri sul mare, in compagnia di liberi ed eretici viaggiatori a piedi, sognatori di utopie e amanti di divagazioni naturalistiche e culturali. L’anno scorso a dicembre ci siamo dedicati ai sentieri di Lipari, adesso ci spingiamo più a nord con Panarea e Stromboli. A Vulcano facciamo tappa per passarci un tardo pomeriggio e una notte, il tempo di vedere il tramonto dal Gran Cratere, scendere, cenare e dormire. A Panarea staremo un giorno per percorrere i sentieri di cresta per Punta del Corvo, sentieri recuperati alla fruizione per iniziativa di Vito Oddo del CAI di Siracusa. A Stromboli saliremo al cratere e vedremo la sciara del fuoco.

Programma:

Giovedì 14 settembre: Partenza alle ore 13.30 da piazzale Lennon/Giotto a Palermo con mezzi propri e condivisi. Chi preferisce può recarsi al porto di Milazzo con mezzi pubblici (treno e autobus) . Imbarco su aliscafo da Milazzo per Vulcano alle ore 16.30 e arrivo sull’isola alle ore 17.15. Sistemazioni in affittacamere e salita al Gran Cratere in tempo per il tramonto (ore 19,08) e discesa per la cena ed il pernottamento.
Scheda tecnica: lunghezza: km 6, dislivello: m 400 circa, natura del percorso: sterrata, sentiero (un omino).

Venerdì 15 settembre: Dopo la prima colazione, partenza in aliscafo per Panarea (ore 8,50) e arrivo alle 10.00. Escursione a piedi lungo la costa fino al Villaggio preistorico di Punta Milazzese. Da qui ascensione da sud al Pizzo del Corvo (m 421) e discesa per la cresta nord, per Punta Palisi e porto di Panarea. Aliscafo delle 16,55 da Panarea per Stromboli con arrivo alle 17,25. Sistemazione, cena e pernottamento in affittacamere.
Scheda tecnica: lunghezza km 9 circa, dislivello complessivo m 430 in salita e in discesa, natura del percorso: sentiero (due omini).

Sabato 16 settembre: Prima colazione e giro in barca con soste a Ginòstra (centro abitato molto interessante) e al neck di Strombolicchio, residuo di un antico camino vulcanico. Chi preferisse può optare per una mattinata libera in una delle spiagge dell’isola. Spiagge nere per il colore dei minuti cristalli di Pirosseno di cui è composta. Nel pomeriggio escursione al Cratere di Stromboli (m 926) con le guide locali. Cena e pernottamento.
Scheda tecnica salita al cratere di stromboli: lunghezza km 8 circa, dislivello m 925 circa; natura del percorso: salita su comodo sentiero battuto e discesa molto soffice su cenere (due/tre omini).

Domenica 17 settembre: Prima colazione ed escursione su sentiero alle pendici di Stromboli fino alla Sciara del fuoco, versante ripidissimo lungo il quale precipitano a mare la maggior parte dei prodotti dell’attività effusiva. Pranzo al sacco. Dopo aver recuperato i bagagli, imbarco su aliscafo delle 16.15 per Milazzo dove si arriverà alle 18.25. Rientro a Palermo in tarda serata.
Scheda tecnica escursione alla Sciara del Fuoco: lunghezza km 9 circa, dislivello m 400 circa in discesa e in salita. Natura del percorso strerrata e sentiero (uno/due omini).

Quota di partecipazione € 250 comprensive di quota Artemisia, tre mezze pensione (cena, pernottamento e prima colazione), una notte a Vulcano e due a Stromboli in affittacamere, aliscafi per tutti gli spostamenti previsti dal programma. La quota non comprende i pranzi (quasi sempre al sacco), la quota per la guide locali per la salita al cratere di Stromboli (circa € 28 a persona), il giro in barca a Stromboli.

Condivisione spese di viaggio da Palermo, per chi fruisce di passaggio: € 20 (A/R compresi i pedaggi autostradali).

Prenotazioni entro il 9 settembre con versamento acconto di €50.
Si accettano fino a 15 partecipanti
.

Per informazioni e adesioni telefonare a Giuseppe 3403380245.

Artemisia, società cooperativa a r.l. per il turismo sostenibile e l’educazione ambientale. Via Serradifalco, 119 – 90145 Palermo. Tel. 340/3380245 E-mail: artemisianet @ gmail.com www.artemisianet

Qualche nota:

http://www.panarea.com/cai/guidacai.pdf
https://it.wikipedia.org/wiki/Pirosseno
https://it.wikipedia.org/wiki/Isola_di_Stromboli
https://it.wikipedia.org/wiki/Isola_di_Vulcano

Giuseppe Ippolito

Prima Notte Bianca targata Pro Loco Marsala 2.0, una serata – quella di lunedì 21 agosto – ricca di eventi per tutti i gusti nelle vie del centro storico. All’inizio di via Roma avrà luogo La via del Liscio, mentre la parte centrale della stessa via ospiterà gli appassionati del Tango. Nell’area tra Porta Mazara e Largo Zerilli si terranno invece i mercatini degli hobbisti e degli artigiani locali, in Piazza Mameli lo spettacolo dello swing.

Un’intera via, la via Abele Damiani, sarà dedicata all’arte, con mostre di vario genere e un’estemporanea, mentre un’area giochi per i più piccoli verrà allestita nell’atrio comunale. In Piazza Matteotti, un angolo, il Beer Corner, sarà dedicato alla birra artigianale made in Sicily. E poi ci sarà musica per tutti i gusti, con gli artisti e i gruppi musicali locali e con i DJs di Radio Itaca. Itinerante per la città la band degli Ottoni Animati, con la loro musica che è un mix esplosivo tra la tradizionale siciliana e la moderna, e immancabili gli artisti di strada– contorsionisti, trampolieri, live artists.

Insomma, una Notte Bianca in perfetto stile Pro Loco Marsala 2.0, che per altro, la sera di domenica 20 agosto, ha organizzato anche l’anteprima, con una cena a tema, All White Glamour Dinner, nella Piazza del Carmine, e un Beer Corner a Palazzo Grignani.

“Siamo felici- commenta il Presidente della Pro Loco Marsala 2.0, Mario Ottoveggio- di essere riusciti, quale associazione di promozione turistica, a fare sistema sia con le istituzioni che con i privati per organizzare questa serata. Crediamo, infatti, che l’obiettivo di valorizzare la nostra bellissima città, quello che per altro muove ogni nostro passo, sia interesse di tutti. A tal proposito, cogliamo l’occasione per ringraziare chi ha accettato di collaborare con noi, e auguriamo buon divertimento ai cittadini e ai visitatori che presenzieranno alla Notte Bianca Marsala 2.0”.

La Notte Bianca Marsala 2.0 è un’organizzazione Pro Loco Marsala 2.0 e Ar Media srl, con il patrocinio del Comune di Marsala e della Camera di Commercio di Trapani, e con il supporto di diverse attività/ imprese e dei media partners del territorio.

Presentata la 17a edizione del Festival internazionale del Tango di Sicilia, l’evento tanghero più lungo al mondo, l’unica kermesse che pone al centro dell’attenzione la “cultura” del tango in tutte le sue mille sfaccettature, il tango “ballato, recitato, cantato”.  Organizzato dall’associazione culturale Caminito Tango Catania della presidente Elena Alberti, con la direzione artistica del Maestro Angelo Grasso, presente alla conferenza stampa insieme alla partner artistica  Donatella Grasso, il Festival, in programma fino al 16 agosto, è un appuntamento clou della settimana di Ferragosto a livello siciliano, italiano e internazionale.

Hanno allietato l’incontro con la stampa, avvenuto in italiano e spagnolo, i campioni del mondo di Tango Escenario 2016, Hugo Mastrolorenzo e Agustina Vignau, ospiti d’onore della conferenza e di questa edizione del Festival, nonchè protagonisti della giornata inaugurale della kermesse con lo spettacolo che ha fatto innamorare tutta Buenos Aires e che li ha resi campioni, “Bailà, Venì, Volà”. Il pubblico potrà ammirare la loro celebre, “teatrale”, interpretazione dell’opera, domani, mercoledì 9 agosto, dalle 21.30, presso ZO Centro Culture Contemporanee (Piazzale Asia,6, Catania). “Evoluzione” sarà una delle parole chiave del Catania Tango Festival 2017, il tango che si evolve, evoluzione data dall’apporto artistico della coppia Mastrolorenzo/Vignau, con un particolare linguaggio del tango dove la danza, il teatro e le arti visuali si fondono tra loro.

Ma l’intero cast  del Festival, composto da coppie che rappresentano il top del tango a livello mondiale, darà un contributo artistico eterogeneo al pubblico; ciò grazie agli stage, seminari e workshop quasi tutti in over booking che scatteranno da domani pomeriggio al Romano Palace e grazie ai numeri show serali dei Maestri ballerini, come lo spettacolo “Tango Suite 2017” che domenica 13 agosto, dalle 21.30,  terrà banco alla “Plaza” del Lido Azzurro. Lo stellare  cast della kermesse scenderà in pista, ognuno con la propria, forte, personalità artistica: Joe Corbata e Lucila Cionci, Fernando Sanchez e Ariadna Naveira (i padrini del Festival), Gustavo Rosas e Gisela Natoli, Neri Piliu e Yanina Quinones, Murat Erdemsel e Sigrid van Tilbeurgh, Joachim Dietiker e Michelle Marsidi e la partecipazione di Angelo e Donatella Grasso (i Maestri dell’Accademia Proyecto-Tango Catania).

“Ci avviciniamo a festeggiare i 20 anni di Festival – ha dichiarato Angelo Grasso –  con la consapevolezza sempre crescente che questa manifestazione non solo è tra le più apprezzate del mondo, nonché meta di appassionati da oltre 35 paesi del mondo (quest’anno ci aspettiamo di superare le 2500 presenze dello scorso anno), ma anche un evento che ha sempre portato un forte indotto turistico al nostro territorio e continua a farlo in maniera sempre più incisiva. Non ci allontaneremo mai dall’accezione  culturale che sottolineiamo sempre nelle nostre manifestazioni, perché il tango è cultura, è turismo, incastonato perfettamente nella realtà siciliana, immerso fra due patrimoni dell’Unesco: l’Etna e il Barocco, ed è  esso stesso patrimonio immateriale dell’Umanità.

Proprio perché il Catania Tango Festival è anche e soprattutto un’opportunità di turismo  che fa rima con vacanze e relax, la direzione ha pensato di allargare le opzioni correlate alla kermesse con proposte molto accattivanti  che vanno a comporre il programma collaterale del Festival, volte alla cura psicofisica dell’appassionato tanghero.

“La chiave del successo del Festival  –  ha dichiarato Donatella Grasso- è da ricercare in molteplici aspetti: abbiamo un cast di ballerini di grido che hanno un largo seguito di ‘aficionados’. Esperti e meno esperti potranno ballare  grazie a lezioni dedicate ad ogni livello di apprendimento ed anche mettersi alla prova nell’ambito delle affascinanti Milonghe sotto le stelle. I musicalizadores o Tango DJ, italiani e non, nostro particolare vanto ed orgoglio; l’ottima musica dal vivo, anche quest’anno sarà a cura dell’ Ensemble Mariposa con la voce ospite Sandra Rumolino, una delle più importanti cantanti delle più grandi manifestazioni internazionali di tango e, a grande richiesta, confermata la Tango Harmony Budapest Orchestra”.

L’associazione Caminito Tango Catania, infine, nell’ambito degli eventi serali di domenica 13 agosto, riceverà dalla testata giornalistica Globus Magazine uno speciale premio per i suoi primi 20 anni.

Per tutte le info e tutti gli approfondimenti: www.cataniatangofestival.com / 339 5022208).

Le foto della conferenza stampa sono di Michele Maccarrone.

Sotto Grasso, Mastrolenzo e Vignau.

grasso- mastrolorenzo-Vignau

 

Scriveva il poeta Arthur Rimbaud: Ho teso corde da campanile a campanile; ghirlande da finestra a finestra; catene d’oro da stella a stella, e danzo. Ecco, anche per noi un’occasione di danza, di vita, nella notte più romantica, quando l’universo sembra aprirsi e piangere cascate di stelle. Giovedì 10 agosto, in occasione della notte di San Lorenzo sarà possibile visitare dalle 18:00 a mezzanotte, la Torre di San Nicolò di Bari all’Albergheria.
I turni avranno la durata di un’ora, per permettere di partecipare alle speciali visite serali, osservare il cielo stellato sul centro storico, scattare foto e lanciare il proprio palloncino luminoso.
Sarà possibile infatti ritirare presso la biglietteria un ticket per un palloncino a elio illuminato per il lancio dei desideri.
Appuntamento alla Torre medievale di San Nicolò, Via Nunzio Nasi, 18 – Palermo. Ticket: € 3 (bambini fino a 12 anni € 1). Palloncino luminoso (facoltativo): € 3
La prenotazione è obbligatoria, contatti: 3298765958 – 3207672134 – eventi@terradamare.org – www.terradamare.org/infoline
Evento facebook:  www.facebook.com/events/1048665251936014

Il ticket di € 3 si riferisce al costo del biglietto della visita assistita alla Torre fino alla terrazza, dalla quale sarà possibile ammirare il panorama notturno sul centro storico di Palermo.
I palloncini luminosi saranno dotati di un biglietto, sul quale ognuno potrà scrivere il proprio desiderio, prima del suggestivo lancio di gruppo.

notte stellata torre

Torre di S. Nicolò di Bari all’Albergheria del XIII sec. (Certificato di Eccellenza TripAdvisor 2016)
Attaccata alla chiesa sorge una slanciata costruzione quadrangolare con conci ben squadrati, si tratta della trecentesca torre civica facente parte del sistema difensivo della città. Fatta edificare dalla universitas palermitana per difendere le mura del “Cassaro”, non faceva parte delle strutture della chiesa ma risultava svincolata ed isolata. “Torre d’eccellenza”, forse la più alta di Palermo, perduto il significato di difesa, se ne volle ingentilire e perdere il suo austero aspetto, applicandole al secondo livello delle bifore arricchite da una cornice d’intarsi.
La torre, articolata in quattro livelli, è stata edificata con pietrame a grossi conci, utilizzando massi tufacei squadrati, che le conferiscono una linea rigorosa e severa. (www.terradamare.org/torre-di-san-nicolo)

torre-di-san-nicolo-2

Nei week end del 12 – 13 e 19 – 20 agosto 2017 si svolgerà a Bivona, in provincia di Agrigento, la 32esima Sagra della PescaBivona, tipico prodotto della terra agrigentina, anche Montagnola, perché prodotta in un’area collinare e montana, quella dei Monti Sicani.
32esima edizione che ha deciso di accostare alla consueta tradizione tipica della sagra, la più moderna ed innovativa figura del social  network, affidando la promozione live alla influencer e presentatrice siciliana (Sciacca per l’esattezza) Roberta Mandalà, che avrà il compito di raccontare i momenti salienti della festa tramite il suo profilo instagram @robymandala_ . “Io e gli organizzatori di questa importantissima sagra siamo entusiasti di essere i primi in Sicilia ad introdurre una manifestazione dal forte carattere popolare all’interno del piu innovativo social network fotografico, instagram. Esso rappresenta ormai una grande e radicata realtà per quanto riguarda la promozione del territorio, ed io sono orgogliosa di poter raccontare e trasmettere la passione di una festa tanto sentita da tutta la comunità locale ai miei piu di 110 mila followers.” dice la Mandalà.
“Come gia successo per il Carnevale di Sciacca, di cui sono la social testimonial, spero di riuscire anche questa volta ad unire tradizione e modernità, per far si che tutti possano godere in pieno delle emozioni che solo un evento dal forte coinvolgimento popolare sa dare.”
Numerosi saranno gli eventi che l’Amministrazione Comunale ha in calendario, realizzati con la preziosa e fattiva collaborazione delle imprese locali, degli agricoltori e delle Associazioni bivonesi, al fine di valorizzare e promuovere la PescaBivona che si pregia del marchio di qualità IGP (Indicazione Geografica Protetta).Nel calendario ufficiale della Sagra che prevede numerose manifestazioni d’eccellenza, trovano posto: il Laboratorio del Gusto curato da Slow Food Sicilia e col patrocinio dell’Assessorato Regionale al Turismo; i percorsi di degustazione della PescaBivona curati dall’Istituto Alberghiero “Lorenzo Panepinto”; i laboratori di educazione ambientale e i percorsi ecoturistici lungo i sentieri del Parco dei Monti Sicani; la Fiera dell’artigianato e dei prodotti tipici; la gara di alta pasticceria dedicata alla PescaBivona; la degustazione di piatti e vini d’eccellenza ispirati alla PescaBivona, che vedrà la partecipazione delle cantine e degli chef siciliani di maggior pregio; spettacoli musicali e pièces comiche; altri eventi culturali e di interesse agricolo-alimentare, legati alla valorizzazione della PescaBivona.

 

Un calice di vino, sorseggiato nelle terme? Oggi si può, in una serata di eclissi di luna.

Le Terme acqua Pia di Montevago ospiteranno la presentazione dell’ultima annata del Syrah San Domenico dell’azienda agricola La Chiusa, in una piacevole serata di luna piena tra bagni termali, vino, sapori e musica.

Il vitigno a bacca rossa che lega le sue origini leggendarie la siracusano e ad Aretusa, incontra un’altra storia che si tramanda da secoli:

Un’antica leggenda narra di Cinzio e Corinzia, due giovani pastori della Valle del Belice, che indossate le bianche vesti da cerimonia, discendevano il dolce pendio cosparso di ginestre selvatiche per dirigersi verso la fonte sacra.

Dai mille rivoli la calda e benefica sorgente sgorgava dalla terra feconda portando con il suo ininterrotto scorrere una promessa di continuità che ben trova eco nella umana aspirazione all’eternità.

Consumati i riti sacri Cinzio e Corinzia rientravano nella loro grotta portando con sé questa speranza di immortalità.

(dal sito Terme acqua Pia)

L’evento si terrà a partire dalle 20, in località acqua calde (Riserva naturale)

info: 388 777 2674

 

 

L’ultima sua trovata sono i ventagli con raffigurazioni tipicamente sicule.

Lei è Maricetta Crisanti, decorative e restauratrice pittorica che lavora principalmente sul legno ma, dice: “la mia passione è stata da sempre anche il tessuto, ho dipinto su tende, tovaglie da tavola e strofinacci particolari”. Ultimamente la Crisanti, si diceva, ha creato degli originalissimi ventagli nei quali ha dato un’impronta siciliana. “Ho marcato un po’ la mano sul colore – aggiunge l’artista – ispirandomi alle decorazioni dei carretti”. I colori che utilizza sono quelli per tessuto e l’effetto è veramente di grande impatto.

ventagli 2

L’Accademia di Belle Arti di Agrigento si apre alla città. Giovedì 10 agosto, l’Accademia Michelangelo apre i battenti ai visitatori, gli orari al pubblico saranno dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

A svelarsi davanti ai vostri occhi numerosi laboratori di Pittura, Scultura, Decorazione e Scenografia, tutte realtà attive di quest’istituzione di Alta cultura che si trova nel cuore di Girgenti.

È previsto un omaggio ai visitatori. L’appuntamento è in via Bac Bac 7.

L’Accademia di Belle Arti “Michelangelo” di Agrigento diretta da Alfredo Prado, nella sua nuova sede inaugurata lo scorso novembre, è diventata parte del tessuto urbano della città. Attraverso i suoi percorsi formativi si possono conseguire lauree di primo livello e specialistiche

L’Accademia intende rappresentare, rivitalizzare e supportare con le sua attività un Comune importante e storicamente rilevante come Agrigento (insignita del titolo di miglior paesaggio italiano per il 2017).

accademia5

Burgio, nota come città della ceramica e delle campane, incastonata nella provincia agrigentina, dal 4 al 6 agosto 2017  sarà il teatro naturale del Dedalo Festival Tintinnabula, la rassegna offre seminari per musica e arte invisibile, in un’ottica di valorizzazione e promozione del territorio.
Burgio si trova tra le vallate delle Terre Sicane, sul declivio di una collina a balcone sulla media Valle del Sosio – Il Dedalo Festival sarà occasione per conoscere questo piccolo centro dell’entroterra agrigentino, situato a 317 metri sul livello del mare. Vi ritroverete circondati da montagne dalle cime frastagliate e gli incantevoli boschi soprattutto di macchia mediterranea. Burgio appartiene alla diocesi di Agrigento che dal 1844 è l’unica in Italia i cui confini della diocesi coincidono con quelli della provincia, è un antico borgo medievale ricco di arte, storia, cultura e monumenti, tra cui vanta numerose chiese e quattro conventi attivi fino alla legge di soppressione del 1866 e chiusi da allora. Fra questi la Chiesa Madre, dedicata a S.Antonio Abate. Qui è custodita la Madonna delle Grazie del Gagini, opera datata 1556, Madonna delle Grazie (Gagini, 1556) la Madonna dell’Itria di A.Ferraro (1596) e l’Icona della Madonna della Consolazione, del XIII secolo. Da visitare, inoltre, il Convento dei Frati Minori Cappuccini con annessa la Chiesa. In essa opere dello Zoppo di Gangi ed un interessante Museo delle Mummie.
La decime edizione del Dedalo festival sarà inoltre occasione per conoscere questo pezzetto di Isola.
Per maggiori informazioni

 Il Borgo delle Storie” , il libro nato nell’ ambito dell’ omonimo progetto, ideato da Naxoslegge, in collaborazione con  il Comune di Motta Camastra, va in tour estivo. Ricordiamo che il progetto, nato nel 2015 da un’ idea di Fulvia Toscano, consiste nell’offerta gratuita di residenza a scrittori e artisti, in una casa nel cuore del Borgo, di proprietà di Naxoslegge. Dalla esperienza dei primi nove scrittori ospiti è stato realizzato il volume Il Borgo delle Storie, contenente una prefazione del professore Filippo Grasso, dedicata al turismo nei borghi, e nove racconti, nati dalle suggestioni che gli scrittori hanno raccolto vivendo i ritmi del paese. Gli scrittori coinvolti sono: Licia Cardillo,  Giorgio d’ Amato, Marinella Fiume, Daniela Gambino, Biagio Guerrera, Clelia Lombardo, Mary Mattana, Cristina Marra, Lina Maria Ugolini. La curatela è di Fulvia Toscano.
Adesso il volume va in tour estivo, ospite di diversi borghi: il 5 a Ferla, nell’ambito di Lithos, la rassegna ideata e diretta da Carlo Muratori: giorno 8 a Brucoli nelle Terrazze organizzate dalla Associazione Sulidarte; il 21 a Savoca, nell’ ambito di Itinera, organizzato dal Comune; il 22 ritorna a Motta Camastra nel cartellone organizzato dal Comune. A settembre, il 16 per Naxoslegge 2017, il Borgo delle Storie farà tappa a Sant’Alessio da  dove sarà anche lanciato il progetto itinerante del Festival dei borghi ionici. In autunno, poi, il progetto e il libro  avranno lo splendido palcoscenico del Sabirfest di Messina, con cui, da sempre, Naxoslegge ha rapporti di virtuosa sinergia. Come afferma Fulvia Toscano. ideatrice del progetto, “Il Borgo delle Storie è un’ idea che, nata a Motta Camastra, dove continua felicemente (per ora abbiamo in residenza Rosario Palazzolo) è, tuttavia, destinato ad essere esportato. Ci sono, infatti, già, diverse richieste di realizzare questa idea in altri borghi. Questo rientra pienamente nello spirito di condivisione che, da sempre, connota Naxoslegge, come evento diffuso e condiviso”. A presto, dunque, altri borghi e altre storie, per vivere e raccontare l’ anima più autentica dei luoghi.