Monday, August 21, 2017
Home / #cosedafare  / Cose da vedere in Sicilia: l’incanto della Cattedrale sotterranea scolpita nel sale

Cose da vedere in Sicilia: l’incanto della Cattedrale sotterranea scolpita nel sale

La Cattedrale di Sale è stata realizzata per diventare chiesa giubilare nel 2000 dai minatori. Larga 20 metri, alta 8 metri e lunga circa 100 metri, può ospitare fino a 800 posti a sedere. Si

RealmonteCover

La Sicilia non smette mai di sorprendere persino noi siciliani…complicata e solare isola a tre punte ci riservi incanti dappertutto ma serve tanta pazienza per amarti e viverti. Nel sottosuolo custodisci un vero spettacolo, che non è un lascito delle culture che ci hanno colonizzato, ma è nostro davvero. Parliamo della Cattedrale di Sale.

realmonte1

Dopo quasi tre ore di pullman dalla città di Palermo (a causa dei lavori lungo la strada statale..) grazie all’Associazione Culturale no profit Riportiamo alla Luce e alla preparatissima guida naturalistica Claudio Scaletta, raggiungiamo Realmonte, un comune non lontano dalla splendida Valle dei Templi di Agrigento. Qui è presente una delle più grandi miniere di salgemma d’Italia, giacimento formatosi circa 6 milioni di anni fa. Gestita dalla società Italkali, ogni giorno vengono estratte tonnellate di sale per uso industriale ed altri sali potassici che vengono poi esportati principalmente in Nord Europa. All’interno della miniera e, in particolare, a 30 metri sotto il livello del mare e quasi 200 metri sotto il livello dell’ingresso, c’è la sala della Cattedrale. Si raggiunge entrando direttamente con il bus navetta e percorrendo circa 1,5 Km di gallerie e cunicoli di vari livelli scavati dai minatori stessi (un dedalo di strade grandi quasi come autostrade si allunga per quasi 90 km nel sottosuolo!) finalmente si può vedere la suggestiva Cattedrale di Sale. È stata realizzata per diventare chiesa giubilare nel 2000 dai minatori. Larga 20 metri, alta 8 metri e lunga circa 100 metri, può ospitare fino a 800 posti a sedere.

Il 4 dicembre di ogni anno, viene celebrata la messa di Santa Barbara, santa tradizionalmente designata per la protezione dei minatori e dei vigili del fuoco. All’interno della Cattedrale troviamo diversi capolavori scolpiti dai minatori nelle pareti di sale come i bassorilievi che raffigurano Santa Barbara nell’abside centrale, la Sacra Famiglia nella parete di destra e Gesù Crocifisso in quella di sinistra. Sono inoltre presenti, all’ingresso, due acquasantiere, ricavate da unici blocchi di salgemma e altri elementi religiosi: quali una cattedra vescovile, la mensa e l’ambone, una croce edun cero pasquale. Il sale offre altre bellezze anche grazie alla sua natura. Proseguendo in altre gallerie, in pullman, per un altro Km circa, a meno 75 metri circa dal livello del mare è possibile vedere la Sala del Rosone, chiamata così per la presenza di un rosone formatosi naturalmente dall’incontro del salgemma con altri sali che formano cerchi concentrici di tonalità diverse. Si rimane veramente senza parole!

È possibile visitare la miniera esclusivamente l’ultimo mercoledì di ogni mese solo  dietro prenotazione. Massimo 30 persone con un piccolo pullman. Il gruppo, dopo aver firmato una liberatoria, verrà dotato dei dispositivi di sicurezza necessari e accompagnato da una guida. Non è possibile l’accesso a più persone in quanto, essendo la miniera funzionante, interferirebbe con le normali attività lavorative. L’organizzazione di Riportiamo alla Luce aveva prenotato nel maggio dello scorso anno.

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.