Wednesday, August 23, 2017
Home / #cosedafare  / Cosa vedere a Palermo: the LIE la mostra di Antonio Massara

Cosa vedere a Palermo: the LIE la mostra di Antonio Massara

Antonio Massara si definisce un Digrapher. E non la smette di spiegare che vuol dire. Venite a vedere il libro e i Digraph 70 x 50 che ne ha tratto.

mostra

Venerdì scorso da Spazio a Tempo Alab è stata inaugurata la mostra “the LIE” di Antonio Massara. Si tratta innanzitutto di un libro d’arte in copia unica; cioè l’artista ed autore, l’ha scritto a mano, con l’inchiostro e il pennino, e poi ci ha incollato sopra delle immagini, rigorosamente in bianco e nero, trattate a tempera. Insomma, se ne creasse un altro, neanche con tutta la buona volontà del mondo potrebbe rifarlo uguale, sarebbe impossibile.

Si tratta della storia di come le balle nascano sempre in bocca ai cani che vedono solo teschi intorno a sé. Come può far male ad un teschio una balla innocente? Così i cani continuano ad abbaiare menzogne e i teschi li imitano, inondando la città. Antonio Massara si definisce un Digrapher. E non la smette di spiegare che vuol dire. Venite a vedere il libro e i Digraph 70 x 50 che ne ha tratto. E a cercare di capire che vuol dire quella parola, così ce lo spiegate anche a noi. Durante il brindisi dell’inaugurazione, Massara ha spiegato che per anni ha fatto il narratore: “mi svegliavo alle 5.30 del mattino – ha detto – per scrivere, e forse la gente di me pensava che fossi un povero sfigato, ma per scrivere e raccontare ci vogliono regole ben precise, nel mio caso, alzarsi prestissimo e iniziare. Questo nuovo progetto – ha aggiunto – rappresenta per me una vera e propria svolta, c’è voluto tanto tempo e tanta fatica, ma la cosa più bella è che mi mentre ci lavoravo, mi sono divertito, quindi spero sia l’inizio di un nuovo cammino, io ci spero…”.

La mostra è visitabile in questi giorni presso uno dei più prestigiosi laboratori Alab, Spazio a Tempo appunto (corso Vittorio Emanuele, 297), fucina di arte e artigianato locale, molto apprezzata sia dai palermitani che dai numerosissimi turisti che passano da lì per visitare i Quattro Canti e la Cattedrale.

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

Sorry, the comment form is closed at this time.