Sunday, September 15, 2019
Home / #personaggi  / In libreria: “Parlami di musica e non andare via” di Valentina Frinchi

In libreria: “Parlami di musica e non andare via” di Valentina Frinchi

Il contenuto è il risultato della sua esperienza fatta da incontri con i nomi più ‘significativi’ della musica palermitana dai quali ha ascoltato storie indimenticabili.

libro_Valentina

“Parlami di musica e non andare via” è il libro di Valentina Frinchi che verrà presentato a breve in città.

Dice la Frinchi :”si tratta di un viaggio tra le epoche generazionali che ha attraversato la storia di Palermo, e che dagli anni ’60 ad oggi ha visto la musica protagonista nei generi, nei fermenti e nei fenomeni”.

Il contenuto è il risultato della sua esperienza fatta da incontri con i nomi più ‘significativi’ della musica palermitana dai quali ha ascoltato storie indimenticabili, momenti con una loro identità che hanno trionfato lasciando segni indelebili in quella Palermo fatta di battiti e di armonie irripetibili.

“Scrivere questo libro – prosegue – ha rappresentato per me un grande oggetto di studio, sono diventata detentrice di testimonianze uniche e ho ricercato ciò che mi veniva raccontato con una curiosità intrisa di mistero e di bellezza con la sensazione che quei racconti li avessi davvero vissuti”.

Le prime pagine attraversano il fenomeno della “Dance”, per arrivare ad un capitolo dedicato al Malaluna – Tempio della Musica e al genio del fermento rappresentato da Ezio Gonzales, si prosegue con una parte interessante dedicata al “ritmo”, sino all’incontro culturale con la parte dedicata alle “sonorità intrise di identità”, alla storia che ha fatto di Palermo la capitale del jazz, ai maestri e non solo, dando spazio anche ai nuovi virtuosismi del pop, del soul e del blues. E per finire un saluto nostalgico al “Paradiso della Musica” dedicato agli artisti che ci hanno lasciato davvero presto. Il Libro si conclude con una preghiera a “Rosalia” , Patrona di Palermo, scritta dalla cantante Soul Anna Bonomolo a difesa della propria identità nella dignità della Musica.

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

POST A COMMENT