Thursday, December 14, 2017
Home / #cosedafare  / Dalla Posidonia delle Egadi una linea cosmetica naturale e sostenibile. L’abbiamo provata per voi

Dalla Posidonia delle Egadi una linea cosmetica naturale e sostenibile. L’abbiamo provata per voi

Maressentia nasce da un'intuizione e da una prateria di Posidonia, quella dell'area marina protetta delle Egadi, formata da ottomila ettari di questa pianta straordinaria.

crema6copertina

Esiste una crema che può rappresentare due donne come noi? Abbiamo provato in anteprima Maressentia, la linea cosmetica estratta dalla Posidonia delle Egadi.

Una start up che ha sede a Favignana, in buona parte siciliana, che trae i suoi principi attivi da una pianta, in un processo naturale e rispettoso delle risorse ambientali. La Posidonia che esiste da 120 milioni di anni, dalla terra si trasferisce al mare. Cambia completamente ambiente, ma rimane se stessa: mantiene le radici, il suo rizoma fiorisce, dà persino i frutti. I suoi principi attivi terrestri invece di indebolirsi, si combinano, traggono nuova forza e complicità dal mare, eccola che si rafforza in un ambiente salino estremamente ostile. Un’energia e una capacità di adattamento esemplari. La Posidonia che rimane spiaggiata, sulle coste siciliane, a volte semplicemente spostata e considerata rifiuto, in realtà è una risorsa. L’abbiamo vista tutti, senza conoscerla a fondo.

Tutto nasce da un’intuizione e da una prateria di Posidonia, quella dell’area marina protetta delle Egadi, formata da ottomila ettari di questa pianta straordinaria che rilascia ossigeno ed è in grado di assorbire – lo provano studi scientifici –  CO2 due volte e mezzo in più di quanto avvenga con le piante dell’Amazzonia superiore.

La resistenza della Posidonia affascina e stimola, e da molto amore e passione per questo pugno di isole: le Egadi.

 

Mario Corica ha una casa a Favignana è siciliano di origine ma vive da trent’anni lontano dalla sua isola. A Favignana ha instaurato rapporti di conoscenza, stima con le amministrazioni locali, ma n anche con personaggi del luogo che fanno la storia di questo posto, come i tonnaroti, come la cuoca Maria Guccione. Qui, dove cresce la pianta più protetta del pianeta – “non è un’alga” mi spiegano -, e una barca non può gettare l’ancora, ma deve prenotare una boa per stazionare, il dottor Corica decide di intraprendere un’avventura che si riassume in una nuova start up, un’azienda cosmetica che trae il suo ingrediente principale dalla Posidonia, che non testi i prodotti dagli animali, che si lega al territorio – firma un protocollo d’impresa con la riserva marina protetta – in un processo sostenibile di produzione di benessere, bellezza che tenga conto del marketing e della commercializzazione di prodotti a marchio Maressentia, sotto l’egida di Egadi Cosmesi.

crema9

L’intuizione del dottor Corica e della dottoressa Bianchi, si lega al lavoro di Laura Cornara. Il primo contatto avviene su internet, la professoressa Corvara – che si occupa di piante officinali e piante di interesse cosmetico – in collaborazione con il CNR di Genova, si era concentrata sulla risposta di questa pianta a un ambiente così ostile, con una concentrazione così alta di sale.

Due anni di ricerca scientifica sulla Posidonia oceanica – in collaborazione con i dipartimenti dell’Università di Genova, del Piemonte Orientale, di Palermo e del CNR – . La dottoressa Corvara conferma che la Posidonia di Favignana è particolarmente ricca, “grazia all’acqua pulita: è uno dei siti migliori”.

Alta la concentrazione di acido cicorico e composti (per capirci uno dei principali componenti delle radici di echinacea). Il potere  antiossidante della Posidonia è paragonabile a quello delle bacche di Goji. Stimola la produzione dei fibroblasti, inibisce anche la produzione di macchie cutanee.

Dopo aver testato le proprietà cosmetica, della ricerca sulle cellule coltivazione in vitro, si è passati ai test sulle persone, fase curata con il cosmetologo Rigano che ha valutato l’efficacia dei cosmetici facendo alcune prove con delle volontarie.

Ebbene, i risultati sono stati sorprendenti. Anche per noi, donne, siciliane, attente all’ambiente. Trasformare le nostre risorse in realtà imprenditoriale, si può, perfino in confezioni da tenere in borsa.

 

Comments

comments

Review overview
NO COMMENTS

POST A COMMENT